SPETTACOLI

Arrivata l'Ultima ruota, la manifestazione simbolo dei lavoratori dello spettacolo

Al via il Festival di Sanremo che non vuole nessuno, tra divieti, assembramenti e proteste

lunedì 01 marzo 2021



SANREMO - Il Festival di Sanremo sta per partire mentre tutto attorno resta fermo o quasi in una falsa zona gialla e il paradosso resta evidente tra un mondo della cultura che chiede risposte di fronte ad un teatro che si apre ma per pochi e un tessuto economico fortemente provato.

Nella città dei fiori sono state centinaia le lettere di coloro che operano nel settore cultura e che chiedono risposte raccolte da Ultima Ruota, l'impresa simbolo di un gruppo di lavoratori dello spettacolo che sono partiti da Milano e sono arrivati a Sanremo alla vigilia del Festival

Un'accoglienza da campioni quella registrata nella città dei fiori, per i 15 in sella più altri in supporto. La volontà è che il collega Amadeus, direttore artistico del Festival, accolga le testimonianze di tutti quelli che non hanno più potuto lavorare da un anno.

"Come nostro collega e lavoratore dello spettacolo - ha detto uno dei partecipanti, Massimo Mennuni, scenografo di Milano - chiediamo ad Amadeus di venire a raccogliere le testimonianze dei lavoratori e di renderle visibili alla società civile attraverso quello che è il più grande festival in Italia".

L'evento è stato supportato dalla Cgil: "Abbiamo aderito volentieri a questa manifestazione - ha detto il segretario provinciale imperiese del sindaco, Fulvio Fellegara -. Lo spettacolo è un settore di estrema importanza per la ripartenza. Un impoverimento, non solo economico, ma anche culturale, sarebbe un danno enorme per il Paese". La carovana a pedali ha toccato piazze, musei e teatri, luoghi vitali per il territorio che sono stati chiusi per la pandemia.

Ma nella Sanremo blindata in zona Ariston c'è più attenzione alla partenza di un Festival che non piace a nessuno. Scontente tutte le categorie, dagli alberghi ai ristoranti che lavorano solo per lo staff, ma che non vedono nessuna prenotazione di turisti ai tassisti che non possono muoversi in città a causa delle restrizioni, a tutti coloro che non lavorano da un anno come le palestre. Per non parlare dei residenti, che vedono scuole e parchi chiusi, mentre la città registra più di 3 mila presenze da tutta Italia.

Come era prevedibile, impossibile tenere lontani i curiosi nonostante le norme anti-Covid, sia nei pressi del Teatro Ariston sia degli alberghi, per cui qualche assembramento si è registrato.




I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place