Cultura e spettacolo

Dopo il tutto esaurito con Gino Paoli e l'omaggio di Elisabetta Pozzi ai grandi poeti liguri, quali Giorgio Caproni, Eugenio Montale, Camillo Sbarbaro ed Edoardo Sanguineti, appuntamento a Torino con l'omaggio a Paolo Villaggio con Enzo Paci
2 minuti e 45 secondi di lettura

TORINO - Continua il ricco programma di appuntamenti nello spazio che celebra la Liguria come regione ospite al Salone del Libro di Torino. In 200 mq, 37 editori liguri hanno messo a punto oltre 36 eventi che fino al 13 maggio animano quello che è un vero e proprio borgo tipicamente ligure. Un po' ricorda Boccadasse, un po' l'atmosfera delle Cinque Terre. Ma le pareti di queste case sono scaffali e scaffali di libri, pagine spesso scritte da autori liguri, magari ambientate in Liguria, che raccontano la regione tra i più svariati generi. Gialli, saggi di narrativa, ricostruzioni storiche, libri di ricette, romanzi noir o rosa: c'è tanto da sfogliare in quello che è un vero e proprio scrigno disegnato dall'artista Jean Blancheart, che ha firmato l'esterno dell'allestimento. Qui sulle pareti si intrecciano i nomi di più di 150 liguri illustri alle loro parole e ad alcuni volti che hanno fatto grande nel tempo il nome di Genova: dalla grande comicità sagace di Paolo Villaggio e Gilberto Govi a quella più nazional popolare del Gabibbo, dalle canzoni nate nei carruggi di Fabrizio De André e Gino Paoli a quelle pronunciate dal grande Andrea Doria, dalle scoperte di Cristoforo Colombo a quelle recitate da artiste d'eccezione formatesi sui palchi teatrali genovesi come Lina Volonghi. 

Il primo giorno - oltre alla presenza del tenore Fabio Armiliato, dell'importante agente letterario Stefano Tettamanti, di Palazzo Ducale che con Ilaria Bonacossa ha presentato la mostra che in autunno celebrerà Berthe Morisot - ad aprire il ciclo di appuntamenti ideato da Regione Liguria è stato Gino Paoli che nella sala rossa andata presto "sold out" ha tratteggiato un bilancio sui suoi 'primi 90' anni, raccontando il suo libro "Cosa farò da grande". Un modo per portare a Torino la tradizione dei cantautori liguri, la "scuola genovese" che ancora oggi ispira musica e letteratura in Italia.

È stata poi la "Liguria degli scrittori e dei poeti" la protagonista del secondo grande evento: l'attrice Elisabetta Pozzi e il filologo e accademico Federico Sanguineti, introdotti dal critico e docente universitario Francesco De Nicola si sono fatti portavoce delle eccellenze di una terra che ha dato i natali ad alcune tra le più importanti penne della storia. Al centro dell'incontro c'è stato infatti un reading delle più belle poesie di Giorgio Caproni, Eugenio Montale, Camillo Sbarbaro ed Edoardo Sanguineti, poeti liguri del Novecento tanto profondamente diversi tra loro, così profondamente innovatori. Nel viaggio attraverso le pagine della poesia ligure, è stato possibile apprezzare la ricchezza e la diversità di un patrimonio culturale straordinario, che, come dimostrato dall'affluenza nello stand di Regione Liguria, continua ad affascinare il pubblico di ogni età.

Nella giornata di sabato 11 maggio, nella piazzetta ligure ben 15 presentazioni in programma. Tra queste spiccano il panel dedicato alle narratrici contemporanee (ore 13.30) e quello al pop ligure (ore 14.30) con ospiti Fabrizio Càlzia, Sandro Giacobbe e I Trilli. A seguire spazio allo sport, con ospite d'onore l'ex pallanuotista campione olimpico Eraldo Pizzo (ore 17). Si parlerà inoltre del primo Campionato di calcio italiano, vinto dal Genoa nel 1898 proprio a Torino. Concluderà il programma un evento dedicato al centenario della radio pubblica italiana (ore 18.30). Per gli appassionati di comicità, alle 18.15 nella Sala Ambra (Pad. 1) andrà in scena l'omaggio al Fantozzi di Paolo Villaggio con, tra gli altri, la figlia di Paolo, Elisabetta Villaggio

 

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Primocanale (@primocanale.it)

ARTICOLI CORRELATI

Giovedì 09 Maggio 2024

Salone del Libro, la Liguria è la regione ospite e apre con Gino Paoli

TORINO - La Liguria è la regione ospite del Salone del Libro di Torino e per la prima volta partecipa con tanti eventi resi possibile dalla collaborazione tra i 37 editori liguri: 500 titoli che verranno presentati e 36 panel. Un programma ricchissimo quello dello stand di Regione Liguria al Salone
Lunedì 06 Maggio 2024

Salone del Libro, la Liguria presenta 500 titoli con 37 editori

Uno stand che ricorderà un borgo Ligure, i cui muri saranno i libri presentati all'esterno, poi le illustrazioni di Jean Blanchaert che racconteranno tutte le nostre eccellenze, chi ha fatto la storia della regione e chi la fa tutt'ora, i così detti 100 volti
Martedì 26 Marzo 2024

Regione Liguria al Salone del Libro di Torino con 37 editori e i ragazzi di Orientamenti

GENOVA - Tre grandi eventi dedicati a tre eccellenze della Liguria: il Cantautorato, la Poesia e il Comico, 220 metri quadri di Sala Liguria, con oltre 20 panel organizzati da 37 editori, 100 volti liguri rappresentati dall’artista Jean Blanchaert e 19 premi letterari in cinque giorni di evento. Que
Venerdì 10 Maggio 2024

Allo stand ligure Gino Paoli conquista il Salone del Libro di Torino

L'intervista si è conclusa con un immancabile consiglio di lettura di Gino Paoli, sia per i più giovani, che per i più grandi: 'Niente di nuovo sul fronte occidentale' di Remarque e 'Le leggi fondamentali della stupidità umana' di Carlo Cipolla
Sabato 17 Febbraio 2024

La Liguria al Salone del Libro di Torino, 200 mq per raccontare cantautori e poeti

Dal 9 al 13 maggio, la Liguria sarà la regione ospite del Salone del Libro: una bella vetrina per promuovere il territorio. Ecco i rendering dello spazio che avrà
Mercoledì 14 Febbraio 2024

Liguria, per la prima volta regione ospite al Salone del libro di Torino

Dal 9 al 13 maggio uno stand di Regione Liguria al Lingotto promuoverà non soltanto i libri, ma anche la musica e l'enogastronomia del territorio
Venerdì 21 Luglio 2023

Regione Liguria parteciperà al salone del libro di Torino 2024

L’obiettivo è valorizzare gli editori locali e gli scrittori che si sono occupati di Liguria