Cronaca

GENOVA - La grossa novità nel processo Morandi riguarda la richiesta di patteggiamento da parte di Autostrade e Spea, che dovrebbero versare l'importo dei lavori che non furono effettuati per mettere in sicurezza il viadotto, 27 milioni, a cui si aggiungono le sanzioni. "Il discorso del patteggiamento è molto ampio - spiega Emmanuel Diaz, fratello di Henry, che in quel 14 agosto 2018 perse la vita -. Queste persone ammettono che il crollo è accaduto per colpa loro, perché non hanno voluto cogliere i diversi segnali che avrebbero imposto la chiusura del viadotto Polcevera".

"Non è un discorso semplice - prosegue - la procura lo sta portando avanti nel rispetto del diritto. Tutto questo si trasforma in un elemento gigantesco contro gli altri imputati, che sono stati scaricati. C'era stata un'intercettazione dove avevano messo nero su bianco questa possibilità". Il riferimento di Diaz va all'ipotesi di patteggiamento che gli avvocati di Autostrade avevano paventato nel febbraio 2020, scoperta grazie ad un'intercettazione.

"Di certo questo dimostra che quelle dei pubblici ministeri non erano suggestioni - conclude Diaz -. Mi chiedo a cosa servissero le smentite se ora ammettono le loro responsabilità".

ARTICOLI CORRELATI

Mercoledì 16 Marzo 2022

Morandi, la mamma di Mirko Vicini: "Il patteggiamento è una vergogna"

Una targa per Mirko Vicini, la mamma: "Fa ancora più male"
Mercoledì 16 Marzo 2022

Processo Morandi, Crucioli: "Autostrade patteggia per tenere in piedi la trattativa delle concessioni"

I 27 milioni corrispondono al costo delle manutenzioni non fatte che avrebbero impedito il crollo
Martedì 15 Marzo 2022

Processo Morandi, Autostrade chiede il patteggiamento

GENOVA-La mancata realizzazione del progetto di messa in sicurezza delle due pile di ponte Morandi che hanno provocato la tragedia del 14 agosto 2018 e ucciso 43 persone ha permesso ad Autostrade per l'Italia di risparmiare 27 milioni di euro. Emerge dalla clamorosa richiesta avanzata nell'udienza
Martedì 15 Marzo 2022

Morandi, Possetti: "Chiedere patteggiamento è ammettere colpa"

Egle Possetti commenta a Primocanale, in un intervento nel corso di "Al servizio del pubblico", la richiesta di patteggiamento di Autostrade nel processo Morandi: "Innanzitutto va detto che questa informativa non era dovuta, ci hanno informato perché non lo apprendessimo in aula, una delicatezza che