Cronaca

La famiglia milanese rientrava da una gita in gommone: durante la manovra l'auto ha divelto una colonnina e si è ribaltata su una bitta. Mamma e figlio sono in condizioni disperate
1 minuto e 8 secondi di lettura

LAVAGNA - È stata recuperata questa mattina l'auto che sabato è tragicamente finita in mare nel porto di Lavagna.

All'interno della vettura si trovava una famiglia composta da mamma, papà e tre figli. L'uomo e i due adolescenti sono usciti dall'acqua indenni, mentre le condizioni della donna e del figlio di sei anni sono apparse molto gravi da subito. La famiglia milanese rientrava da una gita in gommone: durante la manovra l'auto ha divelto una colonnina e si è ribaltata su una bitta. 

Da una prima ricostruzione a salvare i fratelli adolescenti e il padre, che viaggiavano nei sedili dietro, è stata l'apertura del bagagliaio, avvenuta a contatto con l'acqua. Recuperare il piccolo e la madre è stato, invece, più complicato. Un sommozzatore in servizio che ha visto la scena è subito intervenuto: prima ha provato a sfondare i finestrini, poi a forza ha aperto le portiere. Il bambino è uscito dopo nove minuti, rianimato e trasportato con l'elicottero al Gaslini, la mamma dopo dieci.

La donna è stata trasportata in codice rosso al pronto soccorso di Lavagna in condizioni gravissime. Anche il bimbo è stato trasferito, sempre in codice rosso, con l'elicottero Drago, al Gaslini di Genova. Entrambi sono stati rianimati nel molo del porto del Tigullio, colti da un arresto cardiaco. Il bambino è ricoverato nel reparto di Rianimazione in prognosi riservata.

Oggi l'auto, che sabato era finita sul fondale, è stata recuperata dai vigili del fuoco.