Cronaca

Dopo l'omicidio con la balestra in vico Mele nel centro storico di Genova, il sindacato di Polizia attraverso una nota di Roberto Traverso, Segretario Nazionale SIAP e Segretario Generale Provinciale SIAP Genova, esprime la sua preoccupazione per l'aumento del degrado, il mancato coordinamento tra forze dell'ordine e polizia locale, la carenza di organico. Lo stesso sindacato chiede un incontro urgente al questore di Genova che dovrebbe tenersi già domani lunedì 7 novembre.

"A Genova si aggravano le conseguenze del mancato coordinamento tra le forze dell’ordine e la polizia locale: la gestione degli sviluppi del caso dell’”omicidio con l’arco” nel Centro Storico lo dimostra ulteriormente. Prima di tutto ricordiamo che la carenza degli organici della Polizia di Stato è una criticità nazionale che però a Genova risulta molto più acuta a causa di due fattori. Il primo è la mancanza di una pianificazione della distribuzione del personale (...). Il secondo la mancanza di coordinamento con una Polizia Locale la cui dirigenza, in modo sempre più marcato, ostenta la volontà di occuparsi di polizia giudiziaria in particolare nel Centro Storico (...)", scrive Siap in una nota.

Sotto la lente anche le scelte politiche di aumentare i pattuglioni nel centro storico: "Lo diciamo da anni che i “pattuglioni” rappresentano uno spreco inutile di risorse a discapito dell’attività investigativa. (...) Tenendo conto dell’ aggravamento della situazione in atto il SIAP ha chiesto un confronto urgente con il Questore D’Anna, che si dovrebbe tenere già lunedì 7 novembre", scrive ancora Siap.

(immagine di archivio)

ARTICOLI CORRELATI

Sabato 05 Novembre 2022

L'omicidio nei vicoli di Genova, il gip: da valutare aggravante razzismo

Dal carcere Scalco, convivente con un'argentina, assicura: "Non sono xenofobo, quella frase? Non ricordo". All'esame i video del cellulare della vittima che avrebbe ripreso l'assassino mentre stava scoccando la freccia. L'avvocato dell'arrestato chiede i domic
Venerdì 04 Novembre 2022

Omicidio vicoli: video smentisce che l'arciere sia subito corso a soccorrere il ferito

Si complica la posizione di Evaristo Scalco e spunta un precedente in zona con abitanti assaliti dagli spacciatori con lancio di bottiglie perché avevano osato chiedere di non fare rumore