Cronaca

GENOVA -Ha prima danneggiato il televisore della mamma, poi è andato nella casa della sorella e ha minacciato anche lei con un pezzo di legno.


L'escalation di un cinquantenne in un preda a raptus nervoso avvenuto in via Montanella, al Cep di Prà, ha riportato alla mente la tragedia dei fratelli Alice e Alberto Scagni, a Quinto, in cui il uomo dopo l'ennesima minaccia ai membri della sua famiglia colpevoli di non dargli soldi ha ucciso a coltellate la sorella.
 
Gli agenti arrivati al Cep appena hanno capito cosa era accaduto è subito venuta in mente la tragedia di Quinto, in cui i genitori dei due fratelli hanno poi denunciato la polizia e il servizio di salute mentale perchè a loro dire hanno sottovalutato le loro denunce prima dell'omicidio.


Per questo i poliziotti si sono subito mobilitati per rintracciare e rendere inoffensivo il cinquantenne che aveva minacciato mamma e sorella. L'uomo però era barricato nella sua casa: per fortuna, dopo poco tempo, è stato lui stesso a convincersi che era meglio desistere e fari visitare in ospedale.
Il cinquantenne infatti convinto dagli agenti con un fitto dialogo di mediazione ha raggiunto da solo l'ospedale dove i medici gli hanno somministrato una terapia a base di sedativi.

Questo non gli ha impedito di essere denunciato per una serie di reati che vanno dal danneggiamento alle minacce.

La vicenda è stata segnalata alle autorità con l'avvio dei protocolli di prevenzione Scudo e Eva che vengono redatti dalle forze di polizia per segnalare casi in cui si ravvisano reiterate violenze in ambito familiare e non solo.

ARTICOLI CORRELATI

Mercoledì 07 Settembre 2022

Sindacato polizia attacca famiglia Scagni: "Accanimento contro gli agenti"

Traverso (Siap): "Fiducia nella magistratura ma le competenze psicologiche dell'assassino spettano ai servizi sociali. La ricerca di capri espiatori un tentativo di distogliere l’attenzione da elementi familiari che hanno avuto un peso sulla tragedia"
Martedì 06 Settembre 2022

Omicidio Scagni, i genitori denunciano le forze dell'ordine per omissione

I genitori hanno presentato in procura una denuncia per omissione di atti d'ufficio e morte come conseguenza di altro reato