Cronaca

CANAZEI - Sono undici le vittime accertate della tragedia della Marmolada dello scorso 3 luglio e nulla fa pensare che sotto la massa di ghiaccio e pietre che ha travolto le cordate vi siano altre persone.

Il colonnello Giampietro Lago, comandante dei Ris di Parma, oggi ha di fatto messo la parola fine al percorso di riconoscimento degli alpinisti travolti e uccisi dalla spaventosa slavina provocata dal distacco di una parte della calotta del ghiacciaio.

Marmolada, la guida savonese: "Tragedia non prevedibile" - LEGGI ANCHE

Gli esami del Dna effettuati sui resti recuperati, dunque, hanno confermato il numero dei morti, l'ultimo dei quali è stato il ventiduenne Nicolò Zavatta, vicentino di Malo, il più giovane fra le vittime.

Oltre a lui hanno perso la vita i veneti Erica Campagnaro, Manuela Piran, Filippo Bari, Paolo Dani, Tommaso Carollo, Davide Miotti e Gianmarco Gallina; Liliana Bertoldi, l'unica trentina; e due alpinisti della Repubblica Ceca, Pavel Dana e Martin Ouda.

Marmolada, il presidente CAI: "Impossibile chiudere le montagne, ma ricordiamo che non sono per tutti" - LEGGI ANCHE

"Non ci sono elementi per dire che ci sono altri morti: le vittime accertate sono 11". Ha commentato il comandante del Ris, Giampietro Lago, durante una conferenza stampa a Canazei. "Le salme saranno riconsegnate solo a ricerche concluse", ha detto il colonnello Lago che ha precisato "oggi sono stati ritrovati altri resti e materiale tecnico con grande probabilità riconducibile agli undici morti accertati".

Non si sono invece fermate le attività di ricerca, come ha confermato Maurizio Fugatti, presidente della Provincia autonoma di Trento: "Continueremo e oggi voglio ringraziare tutti coloro che hanno contribuito", ha detto. Sabato gli operatori erano sul ghiacciaio della Regina delle Dolomiti, mentre oggi avrà luogo un'operazione su una vasta area, che vedrà impegnati 21 tecnici tra soccorso alpino trentino, Finanza, Carabinieri, Polizia, vigili del fuoco volontari e del corpo permanente.

Il sindaco di Canazei, Giovanni Bernard, ha proclamato una giornata di lutto cittadino. Alle 18, in concomitanza con la messa in suffragio celebrata dai vescovi di Trento e Vicenza, è stato osservato un minuto di silenzio su tutto il territorio comunale e le attività commerciali hanno abbassato per 10 minuti le serrande. "L'immagine della Marmolada sfregiata dalla valanga, chiama l'intera umanità a intraprendere un serio cammino di riconciliazione con il creato per tornare a custodirlo e a proteggerlo, come si fa con i fratelli e le sorelle". È questo uno dei passaggi più significativi dell'omelia dell'arcivescovo di Trento, Lauro Tisi, durante la messa, concelebrata con il vescovo di Vicenza Beniamino Pizziol nella chiesa del Sacro Cuore di Gesù di Canazei