Commenti

Il Covid ha rubato tante cose alle persone: alcune vite, socialità, divertimento e anche le gite scolastiche che, sappiamo tutti perché ce lo ricordiamo, hanno rappresentato un capitolo importantissimo della nostra infanzia. Mio figlio ha aspettato con ansia, durante i primi anni di elementari, che arrivasse il momento di fare il torneo Ravano.

Ma quando è stato il momento, c’era il Covid ed è saltato. Sono saltate anche le gite scolastiche da due anni a questa parte. L’anno scorso, in quinta elementare, sono stati comunque portati in gita, tra virgolette, alla foce del fiume Entella di Chiavari, comunque un diversivo in mezzo alle restrizioni della pandemia. Ma quest’anno, di recente, sono state liberalizzate le gite scolastiche! Grande emozione, grandi aspettative.

Ed ecco che, giunto in prima media, è stato portato a Portofino e San Fruttuoso, gita in barca, schizzi d’acqua dalle fontanelle e con le borracce, zainetto pronto con i panini preferiti, due soldi per comprarsi un gelato (in questo caso ovviamente, vista la vicinanza, non è stato il caso di portare a casa un regalino...), e tutti felici e contenti, comunque eccitati per l’esperienza anche se sullo sfondo un po’ di mugugno “ma che peccato avremmo potuto fare una gita più lontani“ c’è stato.

Per non parlare della bimba, prima elementare, la prima gita attesa, tanto attesa, dopo qualche visita agli agriturismi della zona durante l’asilo (a parte gli ultimi due anni). Appena sono state liberalizzate le gite, notizia sentita al telegiornale, è iniziata il tormentone: “Mamma andremo in gita? Le maestre ci hanno detto che dobbiamo fare i bravi”. Un giorno è arrivata a casa col viso triste, dicendo “forse non andiamo in gita” ma io l’ho rassicurata dicendole che sicuramente qualcosa la scuola avrebbe organizzato.

Infatti così è stato! Sulla chat delle mamme è arrivato il tanto atteso un messaggino: il giorno tal dei tali ci sarà la gita scolastica. “Si partirà alle 9 da scuola e si tornerà alle 12, a scuola. Abiti comodi, scarpe possibilmente chiuse, pantaloni non troppo corti, zainetto più piccolo con merenda e borraccia da inserire nello zaino grosso. Grembiule. Se si desidera un cappellino”. La gita sarà al parco di villa Rocca di Chiavari. A circa 1km a piedi dalla scuola.

Ovviamente mia figlia era un po’ gelosa del fratello, perché lui era andato più lontano, fino a Portofino!

Ma alla fine, chi se ne frega della lontananza! L’eccitazione è stata comunque alle stelle, a partire dalla preparazione dei vestiti scelti in modo che i pantaloni arrivassero “poco sotto il ginocchio, come mostrato dalla maestra”, in modo che ci fossero tutti gli ingredienti per un panino e al prosciutto e formaggio, di solito proibito per la merenda mattutina, per la scelta del cappellino tra le decine presenti in casa, e dello zainetto che stesse dentro quello grande della scuola. “Ma poi mamma quando torniamo a scuola studiamo lo stesso anche dopo la gita“ ha detto con un po’ di amarezza.

Ma il giorno della gita alle 6:30 in punto era già alzata e vestita di tutto punto. Già col cappellino in testa in casa, pronta a fare colazione. Avrebbe voluto che il tempo corresse, avrebbe voluto prendere lo scuolabus prima, come se questo servisse ad accelerare il momento della partenza per la gita. Non c’è una morale, solo tanta tenerezza.

ARTICOLI CORRELATI

Mercoledì 18 Maggio 2022

La sostenibilità è insostenibile

Non amavo le fiabe da bambino, figuriamoci adesso che manca poco allo sconto del mercoledì al supermercato. Conoscendo inoltre le penose trafile da affrontare, perfino da cronista, anche soltanto per farsi non dico ricevere ma rispondere al telefono da un assessore minore di un comune di provincia,
Martedì 17 Maggio 2022

L'impar condicio e i numeri di una democrazia taroccata

Alla fine, i candidati sindaco per le prossime elezioni comunali di Genova sono sette. Soltanto due di loro, però, hanno una  vera possibilità di vincere la contesa. Chi sono? Non ve lo dico, in segno di protesta contro le norme sulla par condicio. Le trovo discriminatorie, insensate, ingiuste. Chi
Domenica 15 Maggio 2022

Che meraviglia la Genova promessa dai futuri sindaci!

Per una domenica mi sono imposto di non fare il genovese pervaso quotidianamente da mugugni e maniman e soprattutto di allontanarmi decisamente da quelle tiritere che ascolto e vedo spesso in tv che recitano pressappoco così: “Ah i politici… tutti uguali. E la politica? Ah pensano solo ai loro inter
Sabato 14 Maggio 2022

Dynasty arriva alla famiglia Costa: fare impresa quasi come una religione

I Costa, ai quali è dedicata la quarta puntata di Dynasty, dopo i Piaggio, i Cauvin, i Dufour, sono a Genova e non solo “la famiglia”. Nessuno incarna meglio dei Costa la forma dinastica trasmessa tra le generazioni in una comunanza di principi, valori, regole condivisi. E non solo in quello che è s
Giovedì 12 Maggio 2022

Il giorno in cui sono uscita dal gruppo (Whatsapp)

"Eva P. ha abbandonato il gruppo". L'ho fatto, sono uscita da un gruppo Whatsapp di mamme e amiche, con cui condivido e ho condiviso molto negli ultimi anni. E lo metto in piazza per un motivo: quando è successo ho scoperto che questa voglia di evadere e questo rapporto di dipendenza o forse di amor
Lunedì 16 Maggio 2022

Sampdoria, il valore di questa salvezza DOVRA’ essere doppio

GENOVA - La Sampdoria è salva. Evviva la Sampdoria. Evviva Marco Lanna, presidente intelligente e uomo perbene. Evviva Marco Giampaolo ed Emile Audero, gli eroi di un derby che si è rivelato decisivo. Evviva i tifosi blucerchiati, che nel momento più oscuro della stagione hanno saputo mettere in cam
Lunedì 16 Maggio 2022

Genoa, un flop che viene da lontano ma Zangrillo ha sbagliato

L'avventura dei 777 Partners col Genoa inizia con una retrocessione. Lo shock è duro da mandar giù da parte dei tifosi che però hanno confermato il loro appoggio ai proprietario e ai dirigenti con grande compostezza. Nessuna isteria, in fondo la caduta in B era già messa in preventivo dopo un girone