Commenti

Da quando sei anni fa sono entrata, da madre, nell’universo scuola, ho notato ogni anno il ripetersi di una situazione che non riesco a comprendere, e mi auguro che questo commento possa invece portare chiarezza e trovare risposte da chi è competente.

Mi domando come sia possibile che, ogni santo anno, il tempo pieno per le scuole elementari inizi solo dopo due settimane e mezzo, cioè a inizio ottobre. Non riesco a capire come mai, finendo la scuola tre mesi prima, in tutto quel tempo non si riescano.a trovare gli insegnanti che è necessario trovare, non ci si accordi con i Comuni per il servizio mensa, in alcuni casi, mi dicono, per questioni economiche di risparmio.

Ci sono tre mesi di tempo, dico tre mesi e non un mese, per far quadrare i conti, riempire le caselle vuote, far sì che, se non proprio il primo giorno, almeno dopo tre giorni il tempo pieno parta. E invece no, questo non avviene, ogni anno.

Io non so di chi sia responsabilità, ma certo è che viene considerato scontato che non si parta subito con il tempo pieno, una inefficienza legalizzata: si dà per scontato che sia così e nulla fa sì che invece si riesca a farlo partire puntuale, se non il primo giorno almeno dopo i primi tre giorni, perché attenzione, la scuola almeno in Liguria, non inizia mai di lunedì, per carità, non sia mai che i bambini siano troppo scioccati o si sciupino a dover subito fare una settimana di scuola intera. Inizia sempre di mercoledì, così dopo tre giorni gli alunni sono di nuovo a casa per il weekend. Peccato che poi la vita reale (finita la scuola) vada in modo diverso quindi credo che sarebbe bene educare già a superare la “sindrome del lunedì dopo le vacanze”, ma pazienza.

Immagino mi si dirà che è colpa del Ministero, che gli insegnanti non vengono nominati in tempo e quindi non si riesce a garantire l’orario intero eccetera eccetera, ma io sto proprio chiedendo come mai in tre mesi non si riescono a fare queste cose.

Invierò questo commento al direttore scolastico regionale sperando che voglia e possa trovare dieci minuti per darmi una risposta, A me, ma anche a tutti i genitori che iscrivono i propri figli al tempo pieno perché ne hanno bisogno, non perché se li vogliano togliere dalle scatole anche al pomeriggio.

Perché due settimane e mezzo di uscita all’ora di pranzo ripeto, per chi ha bisogno del tempo pieno, significa spendere più di 100-150 euro di babysitter (sempre che tu riesca a trovare una persona che per una sola ora al giorno sia disponibile a rendere questo servizio). Se magari hai qualche parente da cui puoi mandare a mangiare il figlio accompagnato dalla baby sitter allora “te la cavi” con la cifra che ho detto, altrimenti i soldi aumentano perché devi pagare la babysitter fino all’orario in cui l’avresti preso a scuola o allo scuolabus, quindi ipotizziamo che lo scherzetto costi almeno 40 euro al giorno per 13 giorni, che fa 520 euro.


E se qualcuno che legge questo commento conoscesse qualche scuola dove invece il tempo pieno parte quasi subito, sarò grata e lieta di poter parlare con il dirigente e farmi spiegare come riesca a fare questa magia!

ARTICOLI CORRELATI

Mercoledì 14 Settembre 2022

Pioggia e temporali: è allerta gialla sul centro-Levante della Liguria

Dalle 11 alle 23,59 di oggi mercoledì 14 settembre
Mercoledì 14 Settembre 2022

Genova, fumo dal quadro elettrico: centinaia di residenti in strada di notte

Intorno alle 23 in corso Martinetti a Sampierdarena
Mercoledì 14 Settembre 2022

Riparte la scuola, prima campanella per 166mila studenti in Liguria

Il presidente Toti: è l’anno della ripartenza: senza mascherine in classe potremo finalmente rivedere il sorriso dei nostri ragazzi
Martedì 13 Settembre 2022

Spezia, il Picco si prepara al tutto esaurito. Dubbio Gyasi e Reca

Seconda seduta mattutina per le Aquile in vista della gara con la Sampdoria
Martedì 13 Settembre 2022

Il Raduno Auto Storiche AC Genova nel nome di Susanna Marotta

Il ricordo della direttrice scomparsa nel 2021