Sport

GENOVA - "La cosa più importante è la salvezza del Sampdoria, la seconda è il riassetto e la riorganizzazione economica della Samp. Tutto il resto è subordinato, me compreso. Il contratto non significa nulla rispetto a cosa è la Samp" così l'allenatore della Sampdoria Marco Giampaolo a Primocanale ospite a Terrazza Colombo nell'edizione speciale di Gradinata Sud.

GUARDA QUI LA PUNTATA INTEGRALE DI GRADINATA SUD CON OSPITE L'ALLENATORE DELLA SAMPDORIA MARCO GIAMPAOLO

Il mister dunque chiarisce la sua posizione dopo le dichiarazioni nel post partita con la Fiorentina a salvezza ormai acquisita. Prima di tutto la Sampdoria per Giampaolo. "Se domani arriva un arabo oppure un magnate o ancora un fondo, è capace di azzerare tutto". Il mister è pronto a restare ma prima del sua situazione personale per: "Io sono per la chiarezza, sapere se ora possiamo bere solo acqua berremo solo acqua, domani magari si potrà bere lo champagne, ma almeno lo sappiamo".

Giampaolo analizza anche la stagione che volge al termine: "Sono tornato perché conoscevo parte dei giocatori, l'ambiente e conoscevo lo staff e come lavora, ho avuto altre occasioni ma ho scelto la Samp. Il momento più difficile? Dopo la partita con la Salernitana. Quando sono arrivato quattro mesi fa c'era da rivitalizzare i giocatori offensivi. Caputo aveva perso completamente l'autostima. Fabio (Quagliarella ndr) sembrava a fine carriere. L'unico che dava garanzie era Gabbiadini ma si è fatto male. Era importante ridare autostima a Fabio e Caputo perché ero convinto che salvezza passasse dal recupero dei due attaccanti".

La salvezza è stata conquistata e Giampaolo si prende anche i complimenti degli estimatori. "Il più bello che ho ricevuto è che rappresento la 'sampdorianità'. La Samp storicamente ha sempre espresso un calcio estetico, si distingueva per la bellezza, come la maglietta. Ho sempre percepito il club come l'ideale per poter lavorare in una certa direzione e con una tifoseria appassionata. Ecco, la grande risorsa della Samp sono i suoi tifosi. Non ricordo una partita dove i tifosi ci hanno fischiato". 

Oggi, 19 maggio si festeggiano i 31 anni dallo scudetto. Marco Lanna all'epoca era in campo a conquistare il titolo. Oggi è il presidente blucerchiato. Con il mister un rapporto mai invadente. "La fortuna - spiega Giampaolo - è stata che nessuno si è mai confrontato con me tecnicamente. Ho avuto la fortuna di trovare un ambiente dove non si sta a giudicare tecnicamente (l'allenatore ndr). Lanna è stato un grande giocatore che ha vinto trofei e a volte questo può essere più utile per i calciatori".

Poi analizza la questione di Quagliarella e del futuro del capitano: "Ci ho parlato, l'ho visto con una gamba come non lo avevo mai visto nemmeno nella prima mia esperienza. Fabio è ancora una risorsa per la Samp". 


Giampaolo parla anche di Suprjaha e del caso Zapata e della sua cessione durante il ritiro a Ponte di Legno durante la prima esperienza del tecnico alla guida della Samp. "Suprjaha è arrivato a Genova con delle difficoltà. La necessità di imparare le lingua, gli usi e i costumi. Ed era anche un po' sovrappeso. E' andato in albergo e ha fatto vita sedentaria, gli abbiamo messo a disposizione un preparatore. Lui è ucraino, è uno che se fosse rimasto nel suo Paese magari avrebbe imbracciato un fucile. Ultimamente l'ho visto migliorato ma non ancora da essere a livello con gli altri attaccanti" spiega Giampaolo. "Questione Zapata, eravamo a Ponte di Legno, mi si avvicina Carlo (Osti ndr) e mi dice che abbiamo una richiesta per Zapata. Ho capito che lo dovevamo dare via, li ho pensato a Defrel. Non era una questione di chi lo voleva mandare via ma c'erano dei soldi da incassare" racconta il mister blucerchiato.

 

 

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

Mercoledì 18 Maggio 2022

Sampdoria, tesoretto da quattro cessioni e riscatto di Sabiri

Dopo l'Inter verrà sciolto il nodo della conferma di Giampaolo in panchina
Martedì 17 Maggio 2022

Plusvalenze, respinto ricorso Procura: confermate assoluzioni Sampdoria e dirigenti

Respinti tutti i ricorsi, compresi quelli della Procura Figc che chiedeva di punire club e dirigenti per il caso plusvalenze: è questa la decisione della Corte Federale d’Appello. Escono quindi senza sanzioni la Sampdoria e i suoi dirigenti operativi al momento dei fatti presi in esame. “La Corte F
Martedì 17 Maggio 2022

Sampdoria, sfilata di leggende blucerchiate prima del match contro la Fiorentina

https://www.youtube.com/embed/3fxZdxQ8vLA Si apre al "Ferraris" il cammino delle 'Legends,' un percorso di memoria condivisa e appartenenza in compagnia dei blucerchiati che hanno fatto la storia della Sampdoria. Da sinistra a destra Gianluca Pagliuca, Mrco Lanna (attuale presidente della Sampdori
Lunedì 16 Maggio 2022

Papi, frati, cardinali e sfottò nel "funerale" goliardico dei tifosi della Sampdoria per il Genoa in B

https://www.youtube.com/embed/c5whvpUvwu8 Migliaia di tifosi sampdoriani, alla fine della partita con la Fiorentina, si sono radunati fuori dalla Gradinata Sud in via del Piano per dare inizio al funerale allegorico a mo' di sfottò nei confronti dei cugini genoani, da poco retrocessi in Serie B. I
Lunedì 16 Maggio 2022

Sampdoria, Giampaolo: "Il futuro? Prima dobbiamo fare chiarezza"

Marco Giampaolo, dopo aver salvato la Sampdoria con la ciliegina della vittoria sulla Fiorentina, prende tempo sul futuro. Con la salvezza è scattato il rinnovo automatico, ma di futuro per ora il mister non vuole parlare: "Non so e non posso rispondere. Fino a ieri sera l'unico obiettivo era raggiu
Giovedì 19 Maggio 2022

Dall'archivio storico di Primocanale, 1991: Sampdoria campione d'Italia

Per la Sampdoria quello del 1990/91 fu un campionato esaltante che trovò la sua entusiastica conclusione il 19 maggio (esattamente trentuno anni fa) quando, sconfiggendo il Lecce per 3-0, si potè finalmente fregiare del titolo di Campione d'Italia. La partita in realtà fu praticamente una passerella