Sport

La sosta capita a fagiolo. Il Genoa rivitalizzato dal successo con il Torino è ora in stato di grazia fisico e psicologico. Il capitano dei rossoblu Sturaro, sempre tra i migliori, ha parlato di scintilla nella squadra ed è chiaro che il Grifone si è acceso.

Da quando è arrivato l'allenatore tedesco è cambiato tutto. Blessin è intelligente. Infatti mentre tutti ora esultano, lui subito dopo aver saltato sotto alla Nord, ha detto che la testa era già a Verona e che val bene sottolineare che non et stato fatto ancora nulla.

Insomma allacciate le cinture dell"ottovolante", tante sono le partite che mancano al termine. Nelle prossime 8 gare si fa la storia del campionato. Il Genoa ci arriva carico come una molla ma il calendario non è facile (peraltro nemmeno le concorrenti hanno strade in discesa) con, dopo la trasferta a Verona, ecco la Lazio in casa quindi il Milan fuori poi il Cagliari a Marassi e il derby.

Ultime tre? Juve al Ferraris, Napoli fuori e gran finale a domicilio col Bologna. Quanti punti servono? Almeno 34, meglio 35. Rotto il ghiaccio in casa col Torino servono almeno tre successi e una manciata di pareggi. Intanto in questa pausa il Genoa può recuperare tutti tra cui Ekuban e Piccoli. Amiri potrà mettere minuti nelle gambe come Bani visto che a Verona giocherà lui per la squalifica di Ostigard.

ARTICOLI CORRELATI

Sabato 19 Marzo 2022

Genoa indomito, Spors plaude la Nord: "Tifo unico"

GENOVA - Il Genoa col Torino è stato una furia in campo dal primo all'ultimo minuto meritando la prima vittoria dell'anno in campionato al Ferraris dopo undici mesi di attesa.  Neppure l'espulsione di Ostigard, molto contestata, ha piegato questa squadra che Blessin  ha resuscitato nella testa e nel