Sport

4 minuti e 37 secondi di lettura

LA SPEZIA - Nella nuovissima area hospitality dello stadio "Alberto Picco", è stato presentato questa mattina, alla presenza dell'Amministratore Delegato di Spezia Calcio, Andrea Gazzoli, del Sindaco della Spezia, Pierluigi Peracchini, dell'Assessore Regionale alle Infrastrutture, Giacomo Giampedrone e dell'ing. Sabatino Tonacci di Exa engineering SRL, il progetto di copertura della Curva Ferrovia, cuore pulsante del tifo spezzino.

"Siamo molto soddisfatti di aver dato il via all'ultima parte di un progetto che ha cambiato radicalmente lo stadio "Alberto Picco", proiettandolo verso il futuro e che con la copertura della Curva Ferrovia sarà ancora più confortevole per tutti i nostri appassionati tifosi - dichiara l'Amministratore Delegato Andrea Gazzoli. La Proprietà ha creduto fin dal primo momento in questo progetto e grazie alla sinergia con Regione Liguria e Comune della Spezia, stiamo arrivando in fondo a un'opera per nulla scontata, che dimostra come quando tutte le parti si uniscono, anche l'obiettivo più complicato può diventare realtà. Le opere di copertura della Curva Ferrovia sono state affidate ad aziende locali con grande esperienza nel settore e i lavori sono stati calendarizzati in modo da creare il minor disagio possibile ai nostri tifosi, consentendoci di avere il nostro pubblico sempre vicino alla squadra fin dall'inizio della stagione, fattore fondamentale e imprescindibile".

"L'ammodernamento dello stadio Alberto Picco - dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini - compie un importante passo avanti verso il suo completamento e con la copertura della Curva Ferrovia manteniamo un'altra promessa che abbiamo fatto alla città e ai tifosi, i quali potranno presto avere un luogo più accattivante e confortevole per continuare a tifare la nostra squadra del cuore. Tutta la struttura è oggetto di un profondo rinnovamento, in collaborazione con la Regione Liguria e la Società, che renderà il nostro stadio uno dei più belli d'Italia. Lo Spezia Calcio ha una storia ricca di vittorie e sconfitte, gioie e amarezze, che rappresenta un patrimonio comune. È per questo che dobbiamo fare squadra per proseguire il nostro cammino, continuando a investire in un gioiello del nostro territorio che ha un grande valore simbolico per tutta la comunità spezzina".

"Siamo molto orgogliosi del lavoro fatto fino ad oggi che ha consentito di restituire il "Picco" alla città e ai suoi tifosi - le parole dell'Assessore alle Infrastrutture della Regione Liguria, Giacomo Giampedrone - Grazie a questo intervento, fortemente voluto con le risorse del Fondo Strategico, e frutto della sinergia con il Comune e la Società, lo Spezia è tornato a disputare le partite in casa già nella prima parte del campionato. Abbiamo rispettato il cronoprogramma, consapevoli che si tratta di un investimento infrastrutturale strategico per tutta la Liguria, per uno stadio tra i più moderni ed efficienti del Paese, con tutte le caratteristiche necessarie per ospitare partite della massima divisione. Quella che sta per iniziare è l'ultima fase dei lavori relativi alla nuova copertura della Curva Ferrovia, che si concluderanno entro la fine dell'anno. Insieme al resto dei lavori già eseguiti, è una promessa che manteniamo, attesa da anni per il suo grande valore anche in termini di tifo per la squadra della città".

Dopo la realizzazione da parte di GAU Arena del progetto globale di rinnovamento dello stadio, la progettazione esecutiva della copertura della Curva Ferrovia è stata affidata a Exa engineering srl, società spezzina nata nel 1998 che tra le numerose opere sul territorio spezzino può annoverare il ponte pedonale Thaon De Revel e le opere strutturali di Spezia Expò, e vedrà l'ATI composta dalle aziende BP Benassi SRL e Dott. Carlo Agnese SPA occuparsi della parte edile e strutturale, mentre sarà SEL Servizi Elettrotecnici SRL a occuparsi delle lavorazioni impiantistiche.

L'imponente opera andrà a completare il piano pluriennale di intervento che ha portato lo stadio "Alberto Picco" a cambiare volto, aprendosi a un futuro moderno, sostenibile e sicuro, adatto alle esigenze dei tifosi e della città. La prima fase, ultimata e risalente all'estate 2021, ha portato all'abbattimento e al rifacimento della Curva Piscina, con gli interventi che sono proseguiti anche nell'estate 2022, con la realizzazione del nuovo divisorio tra settore ospiti e il settore destinato ai tifosi locali. Tra novembre e dicembre 2022, si è infine completato l'ammodernamento della stessa, con la riconfigurazione delle vie di accesso al settore ospiti e con la realizzazione di due corner ai lati della struttura, finalizzati all'aumento della capienza totale della Curva Piscina, passata da 3176 a 3510 posti a sedere. Inoltre, in questa prima fase è stata portata a termine la ristrutturazione dei servizi igienici del settore Distinti.

La seconda fase di lavori, incentrata principalmente sulla Tribuna, ha visto un importante ammodernamento complessivo di tutta la struttura, iniziato con la ristrutturazione e l'ampliamento del piano spogliatoi, al fine di renderli conformi ai criteri infrastrutturali richiesti, e proseguito con la realizzazione di un nuovo edificio, posto su due piani alle spalle della Tribuna, comprensivo di aree media al piano terra e di un'area hospitality, al primo piano, oltre che di una terrazza al piano superiore, dedicata alla stampa e alla produzione tv. Inoltre, nella seconda fase sono stati realizzati 8 skybox per un totale di 64 posti complessivi e nuovi field box, sono state rinnovate le panchine, ora integrate nel settore Tribuna, sostituiti i vecchi seggiolini del settore Distinti ed è stata trovata una nuova collocazione per la produzione televisiva, con la nuova area OB-VAN collocata in un'area antistante la Curva Ferrovia.

La terza ed ultima fase di ammodernamento e ristrutturazione dello stadio "Alberto Picco", già iniziata con l'avvio delle opere preliminari, vedrà la Curva Ferrovia chiusa al pubblico dal 19 ottobre al 21 dicembre, con lo stadio che riprenderà la conformazione iniziale a partire dalla data del 26 dicembre 2024, in modo da garantire i minori disagi possibili al pubblico spezzino.