Porto e trasporti

GENOVA - Via libera del Tar della Liguria all'occupazione temporanea di aree dello stabilimento ex Ilva a Genova per la realizzazione di progetti infrastrutturali varati dall'Autorità portuale del Mar Ligure Occidentale. Si tratta di opere comprese nell'ambito del programma straordinario d'investimenti urgenti per la ripresa e lo sviluppo del porto e delle relative infrastrutture.

L'Authority portuale di Genova nel dicembre del 2021 aveva comunicato ad Acciaierie d'Italia la necessità di entrare temporaneamente in possesso di aree per opere di potenziamento dell'accessibilità al bacino di Sampierdarena, con particolare riferimento al viadotto Pionieri e Aviatori d'Italia.

Lo scorso gennaio, Acciaierie aveva impugnato il decreto di occupazione temporanea: "AdI non è proprietaria né titolare di altro diritto reale sulle aree oggetto occupazione, ma soltanto affittuaria del ramo d'azienda ex Ilva comprendente lo stabilimento - spiega il Tar nella sentenza - Il provvedimento impugnato è chiaro nell'individuare il proprio destinatario nella proprietaria Ilva spa, cui viene riconosciuto l'indennizzo per l'occupazione temporanea. Il ricorso è inammissibile, non essendo consentito ad Acciaierie d'Italia far valere in nome proprio un diritto di Ilva proprietaria dei beni occupati"