CRONACA

Pasticcio elisoccorso, dall'anno prossimo ai privati: costerÓ di pi¨

martedý 02 aprile 2013
Pasticcio elisoccorso, dall'anno prossimo ai privati: costerÓ di pi¨

GENOVA - “E’ davvero una cosa intollerabile che nel momento in cui il paese sta andando a bagno i soldi si debbano buttare così”: è furioso, l’assessore regionale alla Sanità Claudio Montaldo nel sottolineare questa brutta storia tipicamente italiana, ancor più grave perché riguarda la salute delle persone e in particolare il trasporto di quelle più gravi tramite elicottero, compito che fino ad oggi veniva svolto dai mezzi dei Vigili del fuoco e che dal primo gennaio dell’anno prossimo dovrà passare ai privati, con tanto di gara indetta dalla Regione, sia pure a malincuore.

Il tutto per una sentenza del Consiglio di stato che rileva come agli stessi Vigili del fuoco manchi una certificazione dell’Enac, l’Ente nazionale per l’aviazione civile, considerata necessaria, che invece hanno i soggetti privati: “Trovo che questa sia una scelta molto astrusa – continua Montaldo – che fa capire perché l’Italia va a rotoli. Perché se due enti pubblici possono collaborare, questo viene impedito da un cavillo. Si badi bene, non è che venga detto che i Vigili del fuoco non sono capaci o i loro mezzi non sono adeguati, semplicemente manca un bollo”.

Senza contare che questo servizio ai cittadini liguri finirà per costare molto di più: “Noi oggi spendiamo intorno al milione e mezzo di euro – conferma Montaldo – e quindi meno di quanto di norma costa una base privata solo per attivarla. In più avevamo il vantaggio che i Vigili del fuoco erano già lì, pronti per ogni evenienza. E per finire c’è anche da sottolineare un aspetto davvero bizzarro: dovendo loro accumulare un certo numero di ore di esercitazione per poter volare, gli elicotteri gireranno a vuoto nel tentativo di arrivare al numero di ore di volo necessarie che prima accumulavano anche facendo attività di elisoccorso”.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place