CULTURA

I consigli dello scrittore: "Come scrivere un best seller di successo"

Ken Follett a Genova per 'La storia in piazza', alle 22.30 su Primocanale

domenica 10 aprile 2016

"Penso di aver provato che la gente ama leggere libri corposi, anche se tutti dicono che la gente non ha pił l'attenzione di una volta". Con questa battuta lo scrittore inglese Ken Follett ha chiuso il festival "La storia in piazza", raccontando come costruire un bestseller.


GENOVA - Centocinquanta milioni. Tante sono le copie vendute da Ken Follett, lo scrittore britannico che ha scalato le vette dell’industria culturale coi suoi romanzi tra storia, thriller e fantasia. Lo attendono in tanti a Genova, a Palazzo Ducale, dove è in corso la tre giorni di “La Storia in piazza”, quest’anno dedicata all’editoria e ai consumi culturali. Ma l’appuntamento è anche su Primocanale.

Ken Follett è l’emblema del best seller, non solo per i numeri del suo successo – lampanti – ma anche per l’oggettiva qualità dei suoi romanzi. Una carriera cominciata negli anni Settanta, quando ancora faceva il giornalista, prima della svolta decisiva con “La cruna dell’ago”. Durante l’incontro a Palazzo Ducale, Follett spiegherà ai giovani quali sono i segreti per scrivere un best seller di successo planetario. Un incontro che Primocanale vi farà vedere integralmente sul canale 10 e in streaming su Primocanale.it a partire dalle 22.30.

Intanto, nell'incontro con la stampa prima della conferenza ha parlato di vari argomenti. "Un consiglio che do ai giovani? Siate perfezionisti", ha detto. Una storia ambientata a Genova o nel Mediterraneo? "Non ci avevo mai pensato, ma ora che l'ho vista, perché no? In ogni città in cui vado penso sempre se possa essere l'ambiente per un romanzo". 

Poi un occhio all'attualità: "I Panama Papers potrebbero essere un'ottimo spunto per una trama, ma io amo scrivere su storie di cui conosco la fine. L'idea che i ricchi abbiano segreti di cui si vergognano è un'idea potente, puoi costruirci una storia avvincente su chi cerca di svelarli e chi vuole tenerli nascosti. Ma ho un problema a scrivere di eventi in corso: non conosco la fine della storia. Posso scrivere sul Medioevo o sulla prima guerra mondiale perché so come va a finire". 

Chissà che, coi consigli di Ken Follett, qualche talento nostrano riesca a eguagliare la sua carriera. “I pilastri della terra”, uscito nel 1989 e ambientato nel Medioevo inglese, risulta il 64esimo libro più venduto di tutti i tempi. Tra gli ultimi grandi successi “La trilogia del secolo”, subito sul podio dei libri più venduti, che racconta i fatti del Novecento attraverso le vicende di cinque diverse famiglie sul globo.n Una prosa limpida, a tratti poetica ma mai inverosimile, ha consacrato uno scrittore che entrerà nella storia. Aspiranti sceneggiatori e scrittori non possono perdersi la sua lezione: appuntamento stasera su Primocanale, dopo Derby in Terrazza, alle 22.30.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place