POLITICA

Accantonata la riformulazione degli emendamenti sulla parlamentarizzazione dei Dpcm

Dl lockdown, ok Camera a raccolta more e lumache: poi scoppia la bagarre

di g.scio.

giovedý 07 maggio 2020
Dl lockdown, ok Camera a raccolta more e lumache: poi scoppia la bagarre

ROMA - Il dibattito sull'uso del Dpcm infiamma l'aula di Montecitorio e diventa scontro politico. Tutto parte dall'emendamento al Dl lockdown che propone la "parlamentarizzazione" dei Dpcm ma le opposizioni, rifiutando la riformulazione proposta dal governo, gridano alla "deriva autoritaria" e alla "furia liberticida" che anima i Dpcm.

Francesco Lollobrigida, capogruppo di Fdi, attacca: "Il presidente Conte può andare a Genova senza rispettare le distanze, senza una multa e ieri vediamo i ristoratori in piazza che pur rispettando le regole sono stati multati. C'è chi pensa che la democrazia si possa stravolgere". Ragionamento ripreso da Igor Iezzi della Lega: "Noi abbiamo avuto senso di responsabilità ma non abbiamo consegnato le nostre libertà e diritti nelle mani del Presidente Conte e se non c'è la possibilità di manifestare in piazza siamo di fronte al fascismo e noi saremo la nuova resistenza".

Il Movimento 5 Stelle con Francesco Forciniti prova a sedare gli animi ricordando che "in questo paese non c'è una deriva autoritaria non soffiamo su un fuoco pericoloso, non ci lasciamo andare alla facile propaganda che fa male al paese". Gli risponde Giusi Bartolozzi di Forza Italia: "La deriva autoritaria c'è, chiederci di parlamentarizzare i dpcm è un affronto al Parlamento, se c'è urgenza lo strumento c'è, la decretazione d'urgenza, non l'abuso dei Dpcm".

L'Aula della Camera ha alla fine accolto la richiesta di Fdi, con parere positivo di Pd, M5s e relatrice, di accantonare gli emendamenti più discussi sull'uso dei Dpcm, il tema che ha infiammato il dibattito. L'esame del Dl lockdown proseguirà nella prossima seduta. C'è stato il tempo comunque per accogliere un emendamento del partito di Giorgia Meloni: è consentita all'interno del proprio comune di residenza e "secondo le normative vigenti" la raccolta "a mano di prodotti agricoli e selvatici non legnosi", tra cui more, bacche e lumache. E' la deroga ai divieti previsti nel decreto lockdown approvata all'unanimità dall'aula della Camera accogliendo la richiesta di Fdi.



I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place