PORTI E LOGISTICA

Insorge l'opposizione ma anche la maggioranza chiede più coinvolgimento

Depositi costieri a Sampierdarena, bagarre in commissione: "Poca trasparenza"

di Matteo Cantile

mercoledì 30 settembre 2020
Depositi costieri a Sampierdarena, bagarre in commissione:

GENOVA - Mantenere la promessa fatta ai cittadini di Multedo, spostare i depositi costieri entro la fine del mandato, non sarà semplice neppure per un ‘duro’ come Marco Bucci: l’ipotesi di trasferire Carmagnani e Superba tra Sampierdarena e Cornigliano, infatti, ha già fatto storcere il naso tanto alle opposizioni quanto a pezzi di maggioranza. L’idea della giunta comunale è quella di ricollocare gli stabilimenti in una porzione dell’attuale terminal Messina, sulla sponda sinistra della foce del Polcevera.

L’ultima polemica si è accesa questa mattina durante la riunione della competente commissione (svolta in streaming) nella quale si doveva discutere l’ipotesi nel suo complesso, prima che il faldone sia portato, per le votazioni del caso, di fronte al consiglio comunale: dagli esponenti di opposizione, infatti, si sono levate proteste per la mancanza, tra gli auditi, di Enac (l’Ente Nazionale Aviazione Civile) e delle aziende che saranno coinvolte dal trasferimento, cioè Carmagnani e Superba. Gli assessori Maresca e Cenci hanno replicato che la presenza di Enac si renderà necessaria solo in una seconda fase, quando eventualmente sarà presentato un vero piano sullo spostamento.

La risposta non ha accontentato la minoranza che ha protestato in modo acceso: Enac, in ogni caso, giocherà un ruolo fondamentale per le eventuali autorizzazioni poiché i depositi costieri, considerati stabilimenti a rischio di incidente rilevante, si troverebbero proprio nel punto finale del ‘sentiero di discesa’ degli aeroplani all’aeroporto Cristoforo Colombo.

Le opposizioni hanno lamentato mancanza di trasparenza da parte dell’amministrazione comunale e l’assenza, in questa fase della discussione, di ipotesi compensative a favore dei quartieri genovesi che sono costretti a sostenere il peso delle attività industriali più sgradite.

Qualche rilievo è arrivato anche da esponenti della maggioranza, come Luigi Grillo e Mauro Baroni (rispettivamente di Forza Italia e Cambiamo), che hanno chiesto maggiore coinvolgimento dei cittadini in queste scelte così importanti, sebbene abbiano ribadito l’urgenza di “prendere una decisione”.


Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place