SPORT

4 mila miglia in solitaria, dalla Francia ai Caraibi, su una barca di 6 metri e mezzo

Dall'UniversitÓ di Genova alla Mini Transat: l'avventura di Matteo, un "filosofo in barca a vela"

di Silvia Isola

venerdý 04 ottobre 2019



GENOVA -  Ci sarà anche un po' di Università di Genova in viaggio con Matteo Sericano, giovane studente di filosofia in partenza per la Mini Transat, una delle regate più estreme e affascinanti di sempre. "Sarà una avventura lunga oltre 4 mila miglia", racconta alla vigilia della partenza a Primocanale. "Su una barca di 6 metri e mezzo partiremo da La Rochelle fino alle Canarie e, dopo un primo stop, riprenderemo la rotta verso i Caraibi, passando per Capoverde". 

Per lui è un sogno che diventa realtà, dato che unisce la sua passione per il mare ad una delle gare più affascinanti. Anche se le sfide da affrontare sono tante. "E' una imbarcazione spartana con un piccolo fornelletto, cibi liofilizzati, il bagno è un secchio e a bordo non ho portato nulla perché la barca è da corsa, bisogna restare leggeri e performanti", spiega le difficoltà che presto dovrà affrontare. 

Da solo, con la possibilità di dormire solo 4 ore nell'arco della giornata, Matteo ripenserà ai suoi libri di filosofia, che ha dovuto lasciare a casa perché la barca deve restare leggera. Ma avrà anche un po' nostalgia di Genova. "Nel cuore porterò la mia città, la mia bandiera. E sono sicuro che in qualche notte da solo in mezzo al mare mi dirò 'Ma se ghe pensu'". 

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place