ECONOMIA

Anche il settore agroalimentare è in ginocchio

Coronavirus e agricoltura, Alberto (Cia Liguria): "Serve più liquidità"

di Linda Miante

martedì 07 aprile 2020



ALBENGA - L'emergenza Coronavirus non ha risparmiato le attività del settore agroalimentare nel Ponente savonese. Realtà produttive come quelle della piana ingauna - in particolare Albenga, Cisano sul Neva e Villanova d'Albenga - stanno infatti pagando a caro prezzo il blocco (quasi) totale del commercio imposto dal Dpcm del 12 marzo. Complice la deteriorabilità dei prodotti, le aziende stanno perdendo il lavoro di un anno intero.  

"L'agricoltura ligure è in sofferenza. Oltre a settori trainanti come quelli della floricultura e del florovivaismo, abbiamo forti perdite anche nella produzione vinicola. Con lo stop imposto alla ristorazione, si è arrestata la vendita delle nostre eccellenze. Secondo i dati della provincia di Savona, almeno il 50% dei prodotti vengono venduti in loco; ciò significa che da ormai un mese i danni sono irreparabili" spiega Aldo Alberto presidente di Cia Liguria. "Nemmeno il basilico, fiore all'occhiello della nostra tradizione, sta uscendo indenne da questo momento di blocco della commercializzazione, soprattutto nelle regioni del Nord Italia" conclude Alberto. 

Con una situazione nazionale estremamente delicata, l'export, da solo, non può compensare le perdite. La categoria ha pertanto chiesto alla Regione Liguria maggiore tutela per i lavoratori attraverso ammortizzatori sociali, oltre alla possibilità di smaltire a costo zero tutti quei prodotti agricoli che, con il passare dei giorni, dovranno essere gettati via. Per ripartire, tutte le aziende avranno bisogno di liquidità e in particolare i florovivaisti, i cui tempi di produzione sono dilatati e le vendite vanno di primavera in primavera. 

"La stagione commerciale si è conclusa praticamente nel momento in cui sarebbe dovuta iniziare. L'apprensione è tanta perché l'epidemia del Coronavirus sta distruggendo anche le realtà più solide" commenta Giancarlo Pastorino, titolare dell'omonima azienda agricola. "Si può solo sperare in un grosso aiuto da parte dello Stato, nella solidarietà reciproca, e che questa emergenza finisca il prima possibile, altrimenti molti saranno costretti a chiudere".

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place