CRONACA

Beppe Grillo: "Una cittą che va cambiata"

sabato 11 settembre 2010
Beppe Grillo:

GENOVA -

Genova - Innamorato di Genova, ma critico verso la sua città: "Genova ha insegnato tutto al mondo nei secoli scorsi, ora siccome la città va a puttane si sono inventati le multe ai clienti delle prostitute" ha detto Beppe Grillo, intervenuto ieri sera con don Andrea Gallo e Gino Paoli ad una manifestazione organizzata a Genova Pegli per il volontariato

"Se io, come Gino Paoli, continuiamo a vivere qui vuol dire che ci crediamo ancora un po' in questa città, ma è sempre più difficile" ha aggiunto prima di salire sul palco

"Abbiamo inventato le banche, i Bot i Cct, il debito, noi genovesi abbiamo sulla coscienza tutto questo ma oggi non riusciamo più a fare niente - ha aggiunto -

Dopo la grandezza del Cinquecento e Seicento però la città si è persa

La speranza sono le persone, quelli che fanno volontariato, quelli che danno ancora un senso a una città gestita da pensionati, che non hanno idea di come si debba governare, come dimostra l'idea dell'inceneritore sotto la Lanterna o il modo di gestire il ciclo dei rifiuti"

E poi: "Alzo zero contro i partiti inesistenti, la politica "fatta da vecchi", le città vittime della cementificazione"

Il comico ha inoltre ribadito la sua intenzione a non candidarsi direttamente, ma ha invitato i Meet-Up genovesi, divisi e spesso in contrasto fra loro a "mettersi intorno a un tavolo e andare avanti con una prospettiva comune", un appello alla compattezza in vista di possibili elezioni.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place