Cronaca

Scajola." Massimo impegno dalla Regione"
1 minuto e 18 secondi di lettura

È stato inaugurato a Santo Stefano al Mare il primo cantiere ligure di interventi di efficientamento energetico su edifici di Edilizia Residenziale Pubblica che utilizzerà le opportunità offerte dal Bonus 110%. Gli alloggi coinvolti  sono 20, per un investimento complessivo di oltre 900 mila euro.

Gli interventi che saranno effettuati prevedono l’isolamento delle superfici esterni, sostituzione dei serramenti, degli impianti di climatizzazione e produzione di acqua calda sanitaria e l’inserimento di fonti di energia rinnovabile. .

“L’enorme progetto di riqualificazione energetica e sismica dei 10.000 alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica parte da Santo Stefano al Mare, che rappresenta il progetto pilota a livello regionale e - afferma l’assessore all’Edilizia Marco Scajola - nella Provincia di Imperia saranno 500 gli alloggi coinvolti. Un’ azione importante, grazie all’opportunità offerta dal Bonus 110 che le quattro ARTE del territorio hanno saputo sfruttare grazie ad un lavoro di squadra con Regione Liguria, portato avanti con impegno e determinazione. Il risparmio energetico rappresenta un aiuto concreto agli utenti degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica, in quanto i costi delle utenze vanno incidere, soprattutto in questo periodo, in modo consistente sul loro reddito.”

“ARTE Imperia, dopo mesi di intenso studio e lavoro - commenta l’amministratore unico di ARTE Imperia Antonio Parolini - è riuscita a far partire il primo cantiere su immobili di edilizia pubblica della Provincia e della Regione, tra i primi in Italia. Di questo sono molto orgoglioso e ringrazio il personale di ARTE e i professionisti che hanno reso possibile questo ambizioso quanto importante obiettivo: migliorare la qualità dell'abitare dei nostri assegnatari e ridurre l'impatto ambientale.” 

TAGS

ARTICOLI CORRELATI

Giovedì 10 Febbraio 2022

Bonus Edilizia, Cna Genova: "Non bloccate la cessione dei crediti"

Artigiani e piccole imprese: "Così si uccide la ripresa!"