Cronaca

Il sostituto procuratore Marco Zocco della Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo genovese lo accusa di essere un mercenario arruolato nella Brigata internazionale ucraina
2 minuti e 6 secondi di lettura

GENOVA - È genovese il primo italiano indagato per essere andato in Ucraina a combattere con la resistenza. Diciannove anni, 20 tra pochi mesi, residente nel quartiere di Cornigliano, simpatizzante di CasaPound e appassionato di Softair, Kevin Chiappalone è il primo indagato in Italia.

Il sostituto procuratore Marco Zocco della Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo genovese lo accusa di essere un mercenario arruolato nella Brigata internazionale ucraina e rischia una condanna da due a sette anni. L'indagine della Digos era partita dopo le dichiarazioni del giovane al settimanale Panorama in cui annunciava di volere partire per difendere l'Ucraina dopo avere sentito Putin che parlava di "denazificare il Paese".

Dalle prime informazioni, il ragazzo, senza alcuna esperienza in ambito militare o nell'uso delle armi, se non la passione per il softfair, è partito a maggio, entrando nel Paese probabilmente attraverso il confine polacco. Dopo una fase di addestramento, come mostrano anche alcune foto sui social, ora si troverebbe in Donbass. Al momento il giovane (in foto, da Instagram) è l'unico indagato ma gli investigatori stanno cercando di capire se vi siano altri mercenari e se vi sia una rete di reclutatori. La Digos ha interrogato diverse persone di CasaPound. Da quanto emerso avrebbe fatto tutto da solo tramite internet.

Sarebbe arrivato in Polonia con l'aereo e da lì in pullman ha raggiunto il fronte. A Genova era stata avviata una inchiesta su un giro di mercenari filorussi, partiti dopo il conflitto del 2014. Tra questi figura Andrea Palmieri, "il generalissimo": per l'Italia è un latitante che deve scontare 5 anni per aver fatto da reclutatore. Ex capo ultrà dei Bulldog della Lucchese, estremista di destra, è in Donbass. Altri veterani del Donbass sono Massimiliano Cavalleri detto 'Spartaco', e Gabriele Carugati, soprannominato 'Arcangelo', un ex addetto alla sicurezza di un centro commerciale in Lombardia figlio di Silvana Marin, ex dirigente della Lega a Cairate. Dovrebbero essere ancora lì a combattere al fianco dei russi.

A fine marzo era stato ucciso l'ultrà del Venezia Edy Ongaro, dal 2015 tra le fila dei separatisti filorussi. Tra i filo ucraini invece c'è Giuseppe Donini, 52enne di Ravenna che era con il battaglione Azov. Con lui c'era Valter Nebiolo, che invece è rientrato in Italia. Nei conti degli italiani rientra anche Volodymyr Borovyk, che dal 2004 vive a Roma dove lavora in un Caf. Il trentottenne, moglie e tre figli piccoli nati nella capitale, è tornato nel suo paese, a Chernivtsi, e si è arruolato nella difesa territoriale. A fine aprile era tornato in Italia Ivan Luca Vavassori, l'ex calciatore di 29 anni andato a combattere nelle brigate internazionali, a fianco dell'esercito di Kiev.

ARTICOLI CORRELATI

Mercoledì 10 Agosto 2022

Guerra, Poletti: "Gli ucraini vogliono riconquistare Kherson"

https://www.youtube.com/embed/mv7ZidJIoW4  
Martedì 26 Luglio 2022

Ucraina, direttore Odessa Journal: "L'esercito russo è in posizione difensiva"

https://www.youtube.com/embed/1Q6KSnezJvk  
Lunedì 25 Luglio 2022

Ruba la borsa a due profughi ucraini in fuga dalla guerra in Liguria: arrestato 18enne

Dopo averlo rintracciato tra i fratelli e il giovane è scaturita una colluttazione, violenta. Ad avere la peggio è stato il ragazzo ucraino, che ha riportato una lacerazione alla testa, mentre la ragazza è caduta e si è procurata qualche abrasione