Sport

Come far bella figura a costo zero: se lo scrivente può permettersi di affermare solennemente che mai porterebbe a cena Eva Green perché refiosa, così Morten Thorsby, ex Sampdoria oggi all'Union Berlino, ha rilasciato una dichiarazione in linea col personaggio di calciatore "impegnato": "mai al City, mai al Newcastle".

Di fronte alle voci circolate nelle ultime ore, secondo le quali Erling Haaland in persona avrebbe chiesto alla dirigenza del City l'acquisto del connazionale già blucerchiato, lo stesso Thorsby ha infatti risposto: "Non andrei mai al Manchester City o al Newcastle, questione di principio". Le parole riportate da Sampdorianewsnet fanno evidente riferimento all'assetto proprietario dei due club inglesi, controllati da proprietà mediorientali: il City dalla famiglia regnante degli Emirati Arabi Uniti, il Newcastle dal fondo sovrano dell'Arabia Saudita facente riferimento a Mohamed Bin Salman. Una deriva plutocratica, per giunta poco trasparente rispetto all'assetto socio-istituzionale dei Paesi arabi, che Thorsby sicuramente disdegna, da buon ecologista militante che veste infatti la maglia numero 2 con riferimento all'obiettivo di abbattimento percentuale delle emissioni su scala mondiale. Non si tratterebbe di un atteggiamento di facciata: tra gli ex compagni qualcuno ricorda i suoi pressanti interventi per diffondere il verbo dell'auto elettrica, oppure i moniti all'autista del pullman sociale per fargli spegnere il motore durante le soste.

Può darsi che davvero Thorsby - che alla Sampdoria era arrivato nel 2019 come un mediano di secondo piano e che, rifiutato dalla Cremonese cui era stato proposto in prestito per lo scetticismo di Di Francesco, si era imposto durante il mandato di Ranieri e confermato con Giampaolo - sia in grado, per coerenza rispetto alle sue idee, di rigettare l'eventuale contratto milionario di provenienza saudita o emiratina. Quando glielo avranno proposto, si vedrà il grado di tenuta dei buoni propositi. "Un vero artista - diceva Woody Allen - non si deve vendere mai, se non per denaro".