Politica

LIGURIAIl centrodestra si prende la maggioranza sia alla Camera che al Senato. I dati segnano la vittoria della coalizione guidata da Giorgia Meloni con Fratelli d'Italia primo partito con circa il 24%, la Lega perde consensi e ottiene un 8% mentre Forza Italia di Berlusconi fa segnare una percentuale tra il 7 e 8%, con Noi Moderati di Toti intorno all'1% a livello nazionale.

Nel centrosinistra il Pd conquista un po' meno del 20%, confermandosi secondo partito ma perdendo ancora elettori. Il boom lo fa il M5s che conquista una percentuale che si attesta attorno al 17%. Non sfonda invece il Terzo polo di Calenda e Renzi lontani dal 10% pronosticato alla vigilia, per loro un 7%.

Dai collegi uninominali della Liguria arrivano i primi nomi dei candidati eletti in Parlamento a rappresentare il territorio. Al Senato i due collegi premiano il centrodestra con Gianni Berrino (Fdi) nel collegio 1 e Stefania Pucciarelli (Lega) nel collegio 2.

Più combattuta la questione nei quattro collegi uninominali della Camera in Liguria dove lo scrutinio è partito dopo. Edoardo Rixi della Lega nel collegio 1 è praticamente certo di un posto a Roma. Nel collegio 2 dopo una lotta punto a punto tra Ilaria Cavo (Noi moderati) e Katia Piccardo (Pd) è la prima ad assicurarsi lo scranno a Roma con tre punti percentuali di vantaggio a poche sezioni dalla fine. Nel collegio 3 Luca Pastorino della coalizione di centrosinistra in vantaggio su Sandro Biasotti (Noi Moderati) di mezzo punto percentuale a quattro sezioni dalla fine. Nel collegio 4 esulta Roberto Bagnasco (Fi) che continuerà a rappresentare la Liguria in Parlamento.

Da registrare il calo dell'affluenza rispetto alle elezioni del 2018. In Liguria affluenza al 64,4% (nel 2018 era stata del 72,6%) mentre a livello nazione l'affluenza è al 63,7% (nel 2018 era stata 73%). In provincia di Genova affluenza a seggi chiusi al 65,9%, Imperia al 59,6%, alla Spezia al 66,9%, a Savona al 65,3%.

AFFLUENZA ORE 19 - Alle 19, in Liguria si registra infatti un forte calo rispetto al 2018: l'affluenza è del 53,45% rispetto al 61,21% di cinque anni fa, per un calo del 7.76%. Secondo i dati disaggregati per provincia, alle 19 nella provincia di Genova (67 comuni su 67) ha votato il 53,41% (61,22% alle politiche 2018); nello Spezzino (32 comuni su 32) ha votato il 54,89% (60,87%), a Savona (69 comuni su 69) il 54,84% (62,25%) e a Imperia (66 comuni su 66) il 50,22% contro il 58,89% di cinque anni fa. Su scala nazionale in metà dei Comuni l'affluenza è del 51,02% (dati relativi a 7.348 enti su 7.904), quando nella precedente tornata elettorale del 2018 alla stessa ora si era recato alle urne il 59,25% degli elettori per la Camera.

AFFLUENZA ORE 12 - Alle ore 12, l'affluenza alle urne in Liguria è stata stabile rispetto alle elezioni del 2018: ha votato il 21,86% degli elettori contro il 21,78% delle precedenti elezioni. Il dato è al momento più alto di quello nazionale che è arrivato al 19,23% quando sono stati conteggiati 7.874 comuni su 7.904. Nelle quattro province l'affluenza è in calo a Genova e Imperia mentre è in aumento a Savona e alla Spezia. A Genova ha votato il 21,96% degli elettori contro il 22,33% delle precedenti elezioni; a Imperia il 20,90% contro il 21,27%; alla Spezia il 21,40% contro il 20,63%; a Savona il 22,64% contro il 21,42%.

 

 

ARTICOLI CORRELATI

Domenica 25 Settembre 2022

Elezioni politiche il 25 settembre, la Liguria sceglie i suoi parlamentari: la guida al voto

Quando e come si vota, la divisione dei collegi e le informazioni su partiti e coalizioni. Ecco tutti i candidati per Camera dei Deputati e Senato della Repubblica in Liguria