CRONACA


Ponte Morandi, Rixi: "Subito demolizione e nuova opera o non si salva nessuno"

domenica 16 settembre 2018
Ponte Morandi, Rixi:

GENOVA - "Se il ponte non viene demolito e rifatto in tempi brevi non si salva né la Regione, né il Comune, né il governo". E' il timore del viceministro alle Infrastrutture Edoardo Rixi, in un'intervista al Messaggero.

"Il vero tema - aggiunge Rixi - è la demolizione. La Procura nel giro di poco tempo darà il permesso per entrare nella zona rossa. Penso che tra una ventina di giorni si potrebbe cominciare, ma se c'è un dibattito infinito la Procura prenderà tempo".

Mentre su chi sarà il commissario alla ricostruzione incaricato dal governo il viceministro spiega: ""Martedì ci sarà l'incontro a Palazzo Chigi e discuteremo di tutti i dettagli del decreto. Il problema non è il nome del commissario ma il metodo. Nessuno può dire se non sono io c'è il diluvio universale. Il commissario avrà poteri molto forti, non aspetteremo i tempi dettati dal codice degli appalti e a lui spetterà la decisione se ricostruirà solo Fincantieri o anche Autostrade".

Ma Rixi non ha dubbi: "La ricostruzione sarà a carico completamente di Autostrade che dovrà dare i soldi al commissario per procedere ad appaltare l'opera".

Sulle polemiche per il sorriso del ministro Toninelli durante la puntata di Porta a Porta, risponde: "A tutti suggerisco di stare lontano dai plastici... A parte gli scherzi tutti si stanno attivando al massimo".

Mentre sulle divisioni tra Lega e M5s, commenta: "Abbiamo solo sensibilità diverse, noi abbiamo una storia di gestione amministrativa più profonda. Governiamo Regioni e diversi enti locali: dobbiamo dare subito delle risposte. Basta tensioni inutili, pensiamo al risultato".

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place