CRONACA

Ecco nel dettaglio il provvedimento

Ponte Morandi, Regione prevede indennizzi mensili a sfollati

giovedý 30 agosto 2018
Ponte Morandi, Regione prevede indennizzi mensili a sfollati

GENOVA -  E' stata approvato dalla Giunta regionale il disegno di legge sugli indennizzi per tutte le persone che hanno perso la casa, perché non potranno rientrare nella propria abitazione, a seguito del crollo di ponte Morandi.

 

L'obiettivo è di gestire nel modo più efficace possibile e più veloce le eventuali demolizioni degli immobili in zona rossa e risolvere i problemi delle persone che a causa del crollo del ponte dall'oggi al domani hanno perso tutto. "Abbiamo voluto ampliare la legge Pris (Programma Regionale sulle Infrastrutture Strategiche) inizialmente prevista per gli interferiti dalle opere infrastrutturali ritenute prioritarie, anche agli eventi calamitosi - dichiara l'assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone -. Nel nuovo testo sono contemplate situazioni di emergenza, come la tragedia del crollo di ponte Morandi". Non si conosce ancora il numero esatto delle abitazioni che andranno abbattute con la demolizione del ponte ma al momento sono 286 i nuclei familiari sfollati per oltre 500 persone. Inoltre sono interessate dall'ampliamento della legge del Pris anche 12 aziende di varie dimensioni e di svariate centinaia di dipendenti, che dovranno essere tutelate, affinché sia garantita la continuità occupazionale e produttiva. A queste verrà riconosciuto, oltre al valore dell'immobile e dell'indennizzo Pris di 45.000 euro, un ulteriore indennizzo mensile, motivato dall'immediato sgombero

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place