SPORT

Tornato allo Zenit San Pietroburgo, l'attaccante argentino non ha rimpianti blucerchiati

La versione di Rigoni: "Alla Sampdoria non giocavo per motivi extracalcistici"

mercoledý 26 febbraio 2020
La versione di Rigoni:

GENOVA -  Arrivato con grandi aspettative la scorsa estate dallo Zenit San Pietroburgo, l'attaccante esterno argentino Emiliano Rigoni ha prima pagato il naufragio della gestione di Eusebio Di Francesco, poi è stato accantonato anche da Ranieri. Il sospetto di molti osservatori, ovvero che a determinare l'emarginazione fosse stata soprattutto l'onerosa (10 milioni) clausola di riscatto obbligatorio fissata al raggiungimento di un determinato numero di presenze (20), viene ora indirettamente confermata dallo stesso giocatore.

Tornato in riva al Baltico, Rigoni infatti afferma, in un'intervista a "Football - Kulichi" "Ho smesso di giocare alla Sampdoria, non per colpa mia ma per motivi extra calcistici". Gli resta però il ricordo del derby, vinto 1-0 col gol di Gabbiadini: Una partita indimenticabile. L’atmosfera è incredibile, non è come qualsiasi altra partita in Serie A, gli spalti tremavano".

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place