Cronaca

È accusato di introduzione di telefoni all'interno del carcere, un reato introdotto da pochi anni per il grande numero di sequestri nelle celle
19 secondi di lettura

GENOVA - Introduceva illegalmente telefoni cellulari nel carcere di Marassi per darli ai detenuti: per questo è stato arrestato un poliziotto penitenziario, fermato dai suoi stessi colleghi su richiesta del Pm Monteverde.

L'accusa è appunto quella di introduzione di telefoni all'interno del carcere, un reato introdotto da pochi anni per i troppi cellulari sequestrati nelle celle.

L'uomo, difeso dall'avvocato Mario Iavicoli, è stato trasferito nel carcere di Pontedecimo.

ARTICOLI CORRELATI

Mercoledì 24 Aprile 2024

Carcere di Pontedecimo, detenuto picchia due poliziotti per una chiamata

GENOVA - Paura nel carcere di Pontedecimo dove un detenuto ha aggredito due poliziotti penitenziari dopo che gli era stata negata una seconda videochiamata. La violenza è scaturita dal detenuto, un tunisino di 30 anni in carcere per reati di molestie sessuali e maltrattamenti in famiglia. L'uomo, d