Attualità

GENOVA - "L'Italia non può privarsi di Ansaldo Energia per affrontare la crisi energetica e la transizione ecologica: riteniamo quindi fondamentale che Cassa depositi e prestiti sostenga l'azienda in questa difficile fase di transizione verso il futuro". Lo dichiara Raffaella Paita, deputata di Italia Viva.

"La crisi di Ansaldo Energia - spiega - non è solo un fatto locale, ma un problema di rilevanza nazionale. La ripresa post Covid e le tensioni internazionali hanno creato una congiuntura molto sfavorevole con impatto già nel 2022 e nel 2023. La corsa del prezzo gas e delle materie prime ha congelato gli investimenti di alcuni clienti su commesse già acquisite mentre la strategia di differenziazione delle fonti energetiche e la sospensione della dismissione centrali a carbone ha rimandato fino a data da destinarsi alcune commesse già acquisite".

E aggiunge: "Allo stesso tempo, l'accelerazione della transizione ecologica potrebbe ridurre il mercato delle turbine a gas nel medio periodo. Ora, l'azienda è certamente un attore rilevante dell'economia genovese ed è fondamentale per il tessuto economico della città con i suoi 2400 dipendenti, ma è anche strategica per il Paese". "Riteniamo indispensabile che Cassa Depositi e prestiti continui a investire nell'azienda. Fornire una prospettiva industriale stabile ad Ansaldo può significare fornire maggiori possibilità al Paese nella strada verso l'autonomia energetica", conclude Paita.

ARTICOLI CORRELATI

Giovedì 04 Agosto 2022

Ita Airways, Rixi (Lega): "Da offerta Msc-Lufthansa prospettive occupazione"

"Un matrimonio che si traduce in flusso diretto di entrate finanziarie, assunzioni di personale e rilancio di Malpensa nel cargo" spiega il deputato
Martedì 02 Agosto 2022

Pre-fallimento Ansaldo, Regione Liguria convocherà tavolo di confronto tra le parti

Questa mattina un corteo composto da un migliaio di lavoratori, che rischiano di restare senza lavoro e stipendio, ha paralizzato la città