Sport

1 minuto e 38 secondi di lettura

RAPALLO – Il Circolo di Golf e Tennis di Rapallo il 2 Giugno ospiterà la terza tappa del circuito internazionale dell’Oman Golf Trophy, competizione che ha l'obiettivo di promuovere il turismo nel Paese arabo e favorire attraverso lo sport il dialogo tra le imprese italiane e il mercato omanita.

Per raggiungere questo obiettivo l’Oman ha scelto ancora la Liguria e il golf, eleggendo per la seconda edizione consecutiva il Circolo di Golf e Tennis di Rapallo come meta di prestigio per gli appassionati.

Sulle 18 buche del Circolo con vista sul Golfo del Tigullio sono in palio due pass per partecipare al “Grand Final” in programma dal 8 al 12 dicembre 2024 a Muscat, per una sfida tra golfisti italiani, austriaci, francesi, giapponesi, indiani, sudafricani e omaniti. Sul green di Rapallo sarà presente anche il Console Onorario del Sultanato dell’Oman in Italia, Francisco Palau Grieg, che premierà i vincitori. Il trofeo è promosso dal Ministero degli Affari Esteri del Sultanato dell’Oman, in collaborazione con il Ministero della Cultura, dello Sport e della Gioventù omaniti e con l’Oman Golf Association.

“Siamo felici e onorati per essere stati scelti ancora una volta come sede di questa prestigiosa manifestazione sportiva e ringraziamo l’Oman Golf Association per aver confermato il riconoscimento internazionale sulla qualità del nostro campo di gara – ha dichiarato Fabrizio Pagliettini, Direttore del Circolo Golf e Tennis di Rapallo – Sono certo che i partecipanti si affronteranno in una gara avvincente e di alto valore tecnico, viste le caratteristiche delle nostre 18 buche”.

La stagione italiana dell’Oman Golf Trophy si concluderà il 6 ottobre con la quarta tappa del circuito in programma al Circolo del Golf di Roma Acquasanta.

“L’Oman Golf Trophy è un’occasione importante per rafforzare le relazioni tra i nostri Paesi attraverso lo sport – ha dichiarato l’Ambasciatore dell’Oman in Italia, Sua Altezza Sayyid Nazar Al Julanda Majid Alsaid – “Per questo sono lieto che il Torneo italiano acquisisca una dimensione internazionale per numero di Paesi e sportivi partecipanti”.