Sport

GENOVA - La prima partita di Marco Lanna come nuovo presidente blucerchiato è anche la prima sconfitta della Sampdoria nel 2022, che dopo aver trovato il vantaggio targato Gabbiadini - sesto gol consecutivo per lui - subisce la rimonta del Cagliari, rinato nella ripresa con Deiola e Pavoletti. Il Cagliari si conferma bestia nera dei blucerchiati visto che nella prima parte di stagione l'unica vittoria dei sardi era arrivata proprio contro la Samp, alla nona giornata.

Primi dieci minuti di studio tra le due formazioni. Candreva molto attivo prova a cercare il varco giusto per innescare le punte blucerchiate. Poi è il Cagliari che preme di più, pericolosissimo Joao Pedro che strappa la palla a Chabot, Yoshida chiude in angolo. Poi un po' a sorpresa, e alla prima occasione, è la Samp a passare: sugli sviluppi di un calcio d'angolo la palla arriva a Yoshida che appoggia a Gabbiadini, l'attaccante fa partire una botta che non ha lasciato scampo al portiere dei sardi. E' il 19' e la Samp è avanti 1-0. La reazione del Cagliari è praticamente assente e anzi sono i blucerchiati a sfruttare il momento e ad andare vicino al raddoppio. Ci provano prima Caputo e poi Bereszynski ma Cragno è attento. Poi è ancora Gabbiadini a concludere ma la sfera si perde a lato dei secondo palo di poco.

Nella ripresa D'Aversa è costretto ad utilizzare il primo cambio per un infortunio muscolare a Yoshida, che lascia il posto a Dragusin. Il Cagliari un po' frastornato trova il pareggio al 55' con Deiola che, trovato dal filtrante di Marin, prova col destro respinto da Audero, sulla respinta a porta vuota il giocatore dei sardi non può sbagliare.

Molti errori di disimpegno e palleggio da entrambe le parti, dopo il pareggio meglio il Cagliari dal punto di vista del ritmo con la Samp che non riesce a ripartire e muoversi come nel primo tempo. Il Cagliari trova addirittura il raddoppio che vale la rimonta: azione prolungata che si chiude con un campanile dal limite dell'area, Lykogiannis calcia al volo e trova Pavoletti che freddamente buca Audero.

All'82' vicinissimo al 3 a 1 il Cagliari: ennesimo contropiede condotto da Marin, passaggio sulla destra per Joao Pedro che davanti al portiere prova di destro, Audero salva tutto. Nel finale sale la tensione soprattutto in casa Sampdoria, al 90' un innervosito Candreva colpisce Carboni a gioco fermo e viene espulso. Vicino al 3-1 il Cagliari con Faragò, che tutto solo sbaglia davanti ad Audero. All'ultimo secondo, poco prima del fischio finale, Audero salva ancora su Faragò ma non impedisce al Cagliari di trovare la seconda vittoria in campionato.