Sport

GENOVA - Tutto pronto allo stadio Luigi Ferraris per la festa a tinte rossoblù per celebrare i 129 anni del Genoa. Il "tempio di Marassi" ha aperto le proprie porte ai tifosi rossoblù: ingresso libero a partire dalle 18 con i settori 5, Distinti e ovviamente Gradinata Nord a disposizione fino ad esaurimento posti. 

Una festa che mancava da tempo e che è tornata dopo il cambio di società avvenuto nel 2021: per alcuni anni infatti l'ex patron dei rossoblù Enrico Preziosi aveva smesso di organizzare questo tipo di celebrazioni, ora infatti questo appuntamento è tornato con la proprietà del gruppo 777 Partners. Presenti staff e giocatori della prima squadra, ma anche i ragazzi e le ragazze del settore giovanile maschile e femminile. Applauditissimo Marco Rossi all'ingresso in campo, poi anche il presidente Alberto Zangrillo e l'a.d. Blazquez.

Uno spettacolo, ancora una volta, la Gradinata Nord che ha dato vita a coreografie, sbandieramenti e cori come se si giocasse una partita del Genoa. Tutti insieme i tifosi hanno cantato le solite canzoni che si sentono ogni domenica, da "Gente di Mare" a "Creuza de Ma" fino all'inno vero e proprio del Genoa. 

I festeggiamenti hanno avuto inizio intorno alle 19.15, con il benvenuto da parte di Andrea Carretti, lo storico presentatore degli eventi legati al Genoa,  con la collaborazione di Radio 105.

I primi a sfilare sotto i colori ed i fumogeni della Gradinata Nord sono stati i ragazzi del settore giovanile, maschile e femminile, dall'under 15 alla formazione Primavera maschile di Alberto Gilardino.

LEGGI ANCHE - 129 anni Genoa, gli auguri di Josh Wander: "Creeremo altri momenti così in futuro"

Spettacolo di luci, tanta musica e i colori rossoblù che volteggiano sotto il cielo di Genova. Ai microfoni del nostro inviato sul campo Giovanni Porcella, l'a.d. Andres Blazquez, che aveva già ringraziato i tifosi dopo aver raggiunto quota 20mila abbonamenti: "Tanti anni dietro di noi ma tanti altri anche davanti. Felice compleanno al Genoa, gli auguro altri 129 anni!"

Presente anche l'amato ex capitano Marco Rossi, oggi dirigente al Genoa: "E' sempre un'emozione, questa è la festa di tutto il popolo genoano ed io sono orgoglioso di far parte di questa famiglia. Ho tanti bei ricordi con questa maglia, speriamo di tornare presto in Serie A per dare soddisfazioni a questi tifosi. Auguri Genoa!"

129 anni Genoa, spettacolo di fuochi d'artificio e la Gradinata canta "Ma Se Ghe Pensu"

Questo il messaggio rivolto direttamente ai tifosi da parte del presidente Alberto Zangrillo: "A nome della società vi devo dire GRAZIE, a tutti voi, perché siete irripetibili. E' pazzesco ciò che riuscite a fare, il nostro compito sarà quello di non deludervi. Ma oggi è la vostra festa, questa è la vostra casa."

La serata prosegue con la sfilata, uno per volta, di tutti i giocatori della rosa del Genoa. "Dal portiere Martinez a Bani, dai nuovi acquisti Strootman, Puscas e Aramu al capitano Stefano Sturaro, che ha detto: "Impegno, serietà e sacrificio sono i valori della nostra squadra." Poi gli attaccanti, Coda, Yalcin, Ekuban, Gudmundsson, e naturalmente mister Alex Blessin, che ha caricato ulteriormente il pubblico: "Siete incredibili, siete i migliori. Grazie e Forza Genoa!".

A chiudere la serata lo spettacolo di fuochi d'artificio sparati verso il cielo. Poi la squadra è andata sotto la Gradinata Nord per scattare una foto, con i tifosi che gridavano all'unisono: "Vogliamo la Serie A"

Poi la sciarpata e il canto dei tifosi sulle note di Ma Se Ghe Pensu.