CRONACA

Tecnici al lavoro per riparare perdita ma niente servizio idrico da San Lorenzo a Imperia

Si rompe un tubo dell'acquedotto, il golfo dianese resta senz'acqua

martedý 08 settembre 2020



IMPERIA - Un acquedotto rotto in tre punti diversi e il golfo dianese resta senz'acqua. Nel corso della serata di lunedì una falla si è verificata in via San Lazzaro a Porto Maurizio nel comune di Imperia.

Gli operai dell’Amat sono al lavoro per riparare la perdita copiosa che ha invaso il manto stradale. Ma il problema per residenti e turisti resta. Da San Lorenzo al Mare fino a Imperia niente acqua dai rubinetti. I lavori di riparazione sono in corso ma non c'è ancora una data nè un orario di conlcusione. Intanto i comuni interessati corrono al riparo. A Diano Marina è arrivata un’autobotte per cercare di limitare i disagi.  

Quello delle tubature dell'acquedotto è un problema che si trascina da anni. I tecnici incaricati sempre lunedì pomeriggio avevano appena terminato di riparare un altro guasto verificatosi in Spianata Borgo Peri. Poi la nuova rottura secondo quanto riferito dai vigili del fuoco avvenuta in tre punti diversi. Proteste da parte dei cittadini di tutto il golfo per il nuovo disagio che li sta lasciando senz'acqua con tutti i problemi che riguardano la quotidianità. Proteste anche da parte degli operatori turistici.  

Mostra tutta la sua rabbia Americo Pilati, presidente di Federalberghi Liguria: "E' veramente una cosa schifoso, siamo veramente allibiti, situazione da terzo mondo. le strutture ricettiva sono quasi al completo. Tutti i turisti sono senza acqua, le spiagge anche. Immaginate in che situazione siamo, dopo lockdown coronavirus, dopo il caos autostrade ora ci tocca anche questo. A Diano Marina c'è una autobotte e basta, ne servono di più e che girino per gli alberghi e le strutture ricettive per poter fare le pulizie delle camere. Quello dell'acquedotto è un problema che ci trasciniamo dal 1990, nessuno ha mai fatto niente" conclude amaramente Pilati. In attesa che il problema si risolva è stato chiesto l'approvvigionamento da parte dei vigili del fuoco e verrà inviata una lettera al prefetto.

L'erogazione idrica in provincia di Imperia è interrotta dal comune di San Lorenzo al Mare a quello di Cervo, al confine con la provincia di Savona, per tre perdite d'acqua sull'acquedotto Roja che rifornisce il Golfo Dianese. Al momento sono in corso le opere di scavo per raggiungere la tubatura. Migliaia di famiglie a Diano Marina e nell'intero Golfo sono già rimaste senz'acqua e si approvvigionano grazie all'intervento di un'autobotte dalla capienza di 14mila litri. Ma i Comuni nei quali i rubinetti resteranno a secco per ore saranno presto molti di più: l'erogazione dell'acqua è infatti garantita finché non si esauriranno le riserve dei serbatoi. Amat ha allertato i vigili del fuoco che garantiranno la presenza di un'autobotte in supporto all'ospedale di Imperia. Altri due mezzi dei pompieri sono in arrivo da Genova e verranno utilizzati nelle aree maggiormente colpite dall'emergenza idrica.

"I TURISTI SCAPPANO" - "La sconfitta di San Bartolomeo per non avere l'approvvigionamento idrico è la sconfitta di tutto il turismo del Ponente ligure: oggi abbiamo perso tutti quanti". Lo ha detto il sindaco di San Bartolomeo al Mare (Imperia), Stefano Urso, accorso in via Martiri della Libertà dove un'autobotte sta fornendo acqua alla popolazione dopo che tre guasti all'acquedotto Roja, a Imperia, hanno causato un black out idrico in tutto il Golfo Dianese. "Mi dispiace - ha aggiunto il sindaco -. Perché più volte avevamo sottolineato il problema. Dalle sensazioni nell'ultimo periodo sotto l'aspetto tecnico è che prima o poi arrivasse qualche rottura che poteva comportare disagi enormi per i residenti e per i tanti turisti che ancora constatavano le nostre località e che ora stanno tutti quanti scappando via".

Il sindaco ha dichiarato di aver sentito diversi albergatori che lo hanno informato della partenza anticipata di numerosi turisti. "Non ci sarà acqua per i prossimi due o tre giorni", ha concluso Urso. "Ritengo si debba dichiarare immediatamente lo stato di emergenza per tutti i comuni interessati. Così facendo la Regione potrà intervenire con fondi emergenziali e finanziare finalmente la posa di un nuovo tubo", ha invece dichiarato il vicesindaco di Diano Marina, Cristiano Za Garibaldi.

IL PIANO D'EMERGENZA PER L'OSPEDALE -  E' stato attivato il piano di emergenza all'ospedale di Imperia a seguito del grave guasto all'acquedotto del Roja e all'interruzione dell'erogazione di fornitura di acqua prevista per la giornata odierna nel tratto da Andora a San Lorenzo al Mare. A fronte di tale situazione, annuncia l'Asl 1 dell'imperiese in una nota, all'ospedale di Imperia è stata disposta la sospensione dell'attività chirurgica programmata e di una parte di attività operativa ambulatoriale. Verranno garantite le urgenze chirurgiche. Anche l'attività del Palasalute potrebbe subire delle variazioni nei servizi. In collaborazione con i Vigili del Fuoco e la Protezione civile, l'Asl1 sta predisponendo un rifornimento di acqua tramite autobotti per garantire l'operatività ospedaliera, afferma l'azienda sanitaria scusandosi per il disagio. Per eventuali informazioni invita a contattare l'Urp, Ufficio Relazioni con il Pubblico di Asl1, dalle 8.30 alle 13 al numero 0184 536 656

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place