CRONACA

Oggetto delle polemiche la 'red zone' all'Umbertino, quartiere popolato da stranieri

Covid, sindaco Spezia: "Sconcerta la strumentalizzazione politica dell'ordinanza"

sabato 12 settembre 2020
Covid, sindaco Spezia:

LA SPEZIA - Polemiche da ogni parte per l'ordinanza che ha riguardato il comune della Spezia, dopo la valutazione della situazione sanitaria e del cluster che nel comune ha visto una rapida crescita dei casi. In periodo di campagna elettorale, viste le prossime elezioni regionali, ognuno ha detto la sua sull'ordinanza su mascherine, divieti di assembramento e rinvio dell'inizio dell'anno scolastico. 

"Sconcertante la strumentalizzazione a oltranza sulla decisione condivisa con Regione Liguria sul divieto assoluto di assembramento nel quartiere dell'Umbertino e sugli altri provvedimenti presi in materia di contenimento del contagio. Le decisioni sono state assunte nell'esclusivo interesse di tutta la cittadinanza, suffragate dagli esperti in materia di prevenzione sanitaria che ci hanno dato indicazioni su come gestire i cluster". Lo dice il sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini dopo che in città sono scoppiate aspre polemiche sui provvedimenti presi, in particolare sulle restrizioni nel Quartiere Umbertino, quartiere popolato per lo più da stranieri.

L'ORDINANZA QUI: Coronavirus, prorogato l'obbligo delle mascherine in provincia di La Spezia

"Tutta la città deve osservare il rispetto delle norme di prevenzione sanitaria e delle disposizioni date dalle ordinanze, e non quella invece di metterle in discussione generando preoccupazione e confusione tra i cittadini. Questa è la stagione della responsabilità - ha aggiunto Peracchini -. Condanno fortemente il cattivo esempio di chi sta seminando un nuovo morbo, quello del sospetto, dell'ignoranza e della discordia, costruendo ad arte polemiche inutili per calcoli meramente elettorali": risponde così all’opposizione che aveva avanzato alcune critiche.

Ma non è l’unica polemica che il sindaco si trova a fronteggiare. Raffaella Paita come deputata di Italia Viva, infatti, ha sostenuto che "L'origine di questa impennata dei contagiati va ricercata tra varie cause e probabilmente è anche da ricondurre alle manifestazioni organizzate per la promozione in seria A della squadra locale. Migliaia di persone senza distanziamento, e in molti casi senza mascherina, sono rimaste per tanto tempo insieme”, chiedendo persino le dimissioni del primo cittadino.

L'ATTACCO: Covid, Paita: "Alla Spezia situazione grave, sindaco Peracchini si dimetta"

Critiche anche dai sindacati sull’aver rinviato l’inizio della scuola soltanto nel comune della Spezia e non in tutto il territorio della provincia dato che in molti si spostano da comune a comune per lavoro o per andare a scuola.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place