Cronaca

LA SPEZIA - Sette giorni di prognosi per abrasioni a mani e braccia, al padiglione auricolare e alla piramide nasale, oltre alla tumefazione di zigomo e labbro superiore. È questo il referto medico dell'agente di polizia penitenziaria aggredito ieri nel carcere della Spezia da un detenuto italiano, 34 anni. L'aggressore è in arresto per i reati di rapina, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali, danneggiamento e porto d'armi ed oggetti atti ad offendere. La sua reclusione si sarebbe dovuta concludere nel 2027.

Il segretario della Uilpa, sindacato degli agenti di polizia penitenziaria, Fabio Pagani chiede più interventi e l'introduzione di un direttore che sia presente in struttura 7 giorni su 7. Il segretario lamenta una sproporzione tra le attenzioni dedicate dallo Stato ai detenuti, come l'ipotesi della costruzione di case dell'amore, rispetto ai poliziotti. "Ogni aggressione subita da un poliziotto in carcere - dichiara Pagani - è da considerarsi un'aggressione allo Stato".

ARTICOLI CORRELATI

Lunedì 02 Maggio 2022

Carcere, detenuto non riceve la 'zuppa' del Ramadan e aggredisce poliziotti

Il ragazzo, di origini magrebine, ha procurato ai due poliziotti penitenziari varie tumefazioni, contusioni, e, persino una frattura alla mano
Giovedì 14 Aprile 2022

Carcere di Marassi, il nuovo direttore: "Più lavoro per detenuti e più personale"

Ad un mese dal suo arrivo, prima uscita istituzionale per Tullia Ardito