Cronaca

GENOVA - Sporco, unto, acqua fognaria nei locali e cibo conservato a temperatura non conforme: sono solo alcune delle violazioni che hanno portato alla chiusura di due esercizi alimentari take away in piazza Caricamento da parte di Polizia Locale e Asl3.

Nel primo locale i problemi erano molteplici: forni e frigoriferi sporchi, con residui alimentari non rimossi, così come i piani da lavoro; un forno non era attaccato allo scarico e diffondeva quindi i fumi nel locale, che generavano cattivi odori ed un microclima molto caldo; il cibo nei frigoriferi veniva conservato in sacchetti della spesa e non alla temperatura corretta; è stato trovato anche un sacco di farina aperto, senza nessun tipo di protezione da qualsiasi contaminazione. Una porta sul retro inoltre non era completamente chiudibile ed era stata malamente isolata con un telo di plastica, non impedendo quindi l'ingresso di animali infestanti. Mancavano inoltre le indicazioni sugli allergeni nei menù.

Nel secondo locale la situazione più grave è data certamente dal lavello della cucina: questo non era infatti collegato all'impianto fognario e scaricava in un contenitore di plastica posto all'interno del locale, da cui fuoriuscivano cattivi odori a causa dell'acqua fognaria residua nello stesso. Sullo stesso lavabo venivano lasciate a scongelare confezioni di pesce surgelato. Dalla cappa di aspirazione colava grasso sugli alimenti in cottura, che venivano poi lasciati sui piani da lavoro senza essere coperti. Anche le stoviglie utilizzate per cucinare presentavano sporco pregresso. Anche qui mancavano inoltre gli allergeni nei menù.