Cronaca

VENTIMIGLIA - I carabinieri del comando provinciale di Bologna, alla stazione di Ventimiglia (Imperia) in collaborazione con gli agenti della polizia ferroviaria, hanno fermato un 19enne di origine tunisina nei confronti del quale, la Procura di Bologna, ha emesso un fermo per omicidio aggravato. Secondo gli accertamenti, sarebbe stato lui ad aggredire a morte il giovane trovato, senza vita, in un edificio dismesso in via Larga, in periferia a Bologna.

La vittima, nel frattempo, è stata identificata: si tratta di un 20enne di origine marocchina, anche lui, come il 19enne, noto alle forze dell'ordine e con precedenti alle spalle. In base a quanto si apprende, l'arma non sarebbe ancora stata trovata. In base a quanto accertato dai carabinieri, il 19enne, che sarebbe partito poche ore dopo il delitto, era salito su un treno diretto verso la Francia per fare poi perdere le sue tracce. Sono ancora in corso le indagini per chiarire il movente del delitto, che non si esclude possa essere maturato in un contesto di spaccio di sostanze stupefacenti, e l'eventuale presenza di complici.

ARTICOLI CORRELATI

Mercoledì 13 Luglio 2022

Genova, protesta per troppi disabili in classe: il provveditore spegne ogni speranza

Clavarino risponde alla protesta dell'Ic Lagaccio: "O gli alunni si trasferiscono in altre scuole o la situazione rimane quella". Docenti e Ata: "Serve investire per avere un'altra prima". Domani assemblea di Usb nella caserma Gavoglio
Mercoledì 13 Luglio 2022

Bonus edilizia, amministratori condominiali: "Persa occasione di sviluppo"

LIGURIA - "Che la proprietà sia legata all'economia e ne costituisca un elemento essenziale lo confermano i cantieri bloccati per la farsa dei bonus per l'edilizia, concessi da un governo, con molta generosità e, di fatto, abrogati dal governo successivo che, non potendo rendere retroattiva una norm
Mercoledì 13 Luglio 2022

Genoa al lavoro a Pegli. Blessin sfoggia il cappellino "militare"

GENOVA - A 5 giorni dall'inizio del ritiro in Austria, il Genoa torna in campo al centro sportivo Signorini di Pegli per gli allenamenti preparatori agli ordini di mister Blessin. Il tecnico tedesco, che solitamente indossa un cappellino durante ogni sessione, questo pomeriggio è sceso in campo sfog