Venerdì dixeutto de mazzo: festa in Ponçeivia e o neuvo libbro da Compagna, insemme a canterin e figeu de scheue

19 mag 2018 by Franco.Bampi, 1 Commento »

Vedde di figeu de scheue elementari cantâ di tralaleri insemme a ’na bonn-a squaddra de canterin mette alegria: da di momenti de magica confuxon e d’invexendo semmo pasæ a-a perfeçion do canto. In bello spetacolo pe ’n davei!

Ma vegnimmo a-e paròlle. Dæto che l’é stæto prezentòu o libbro da Compagna Coæ de mangiâ, dove gh’é 165 riçette scrite da 104 sòcci, e domande son stæte ispiræ a paròlle ch’an a che fa co-o mangiâ. Te-e chi:

Crocchette = granatìnn-e; quarchedun o l’à dito crochìn, cocólli e tomaxèlle, ma son atre cöse.

Tritare = tritolâ.
Alcol = spìrito.
Ammorbidire (mettere a mollo una cosa secca perché rinvenga) = asmugiâ, rinvegnî.

L’é stæto giustamente fæto notâ che o verbo asmugiâ o s’adeuvia anche pe mette a bagno i drappi primma de lavali sciben che questo scignificato o no l’é registròu da-o Cazassa.

Into corso da trasmiscion l’é stæto dito, in italian, ‘primavera inoltrata’ e l’é stæto sugerio de dî, in zeneize, primavéia avansâ. Concluddo co-ina coîxitæ, dita inte ’n serviçio. A fugassa pe ese bonn-a a deve sodisfâ a regola de træ esse; in italian: ‘salata, soffice, sottile’, ma gh’é anche a verscion zeneize: salâ, sciòcca, sotî.

Alegri!

1 Commento

  1. pep bru scrive:

    Siccome nel´ultimo articolo del mio blog (non metto il legame per non fare dello spam, altrimenti va a finire che Franco se la prende con me e mi chiama “angosciozo” ;-)) ho parlato di mangiare, colgo l´occasione per fare una domanda:
    Conoscete nella Liguria il cibo nominato “biancomangiare”? è tipico di alcune zone della Catalogna (dove viene chiamato “menjar blanc”) ma direi che tranne nel sud Italia (dovuto all´influenza catalana) e in Val´d´Aosta, non è molto diffuso in Italia a-a giornâ d´ancheu..

Lascia un commento

Wikipedia in lengoa ligure a çerca di colaboratoî

In sce l’urtimo numero do Boletin da Compagna ò scrito ‘n apello pe çercâ di colaboratoî pe Wikipedia in lengoa

Ràtto penûgo. Ma perché se dixe coscì?

Ràtto penûgo. Ma perché se dixe coscì?

In zeneize ‘pipistrello’ o se tradue ràtto penûgo ò ràtto pernûgo; chi sotta quello che scrive o Cazassa: Ma da

L’inportansa da grafia ofiçiâ

L’amigo Zòrzo Òdon o l’é stæto protagonista de ’n interesante esperimento de letua e conversaçion dov’o l’à provòu a mostrâ

Lescico e scintasci

Devo famene ’na raxon e pigiâ nòtta che tanti pensan che quande se parla do zeneize tutto va ben. In

CATEGORIE

Link utili

Search

Archivio