Venerdì dixineuve de zenâ: Bibbie antighe, a Baistrocchi e o Centro Universcitaio do Ponente insemme a-i canterin de Sant’Orçeize

20 gen 2018 by Franco.Bampi, 5 Commenti »

Seguo che fâ ’na coa comme questa

pe iscrivise a un di corsci do CUP veu dî che l’interesse o gh’é e o l’é tanto. D’interesse anche e Bibbie antighe (ghe n’ea unn-a do 1544) portæ in trasmiscion comme ’n asazzo da mostra tegnua a Finalborgo. A Baistrocchi e i canti di canterin an conpletòu sta bella seiann-a.

E paròlle de quæ ò domandòu a traduçion son ste chi. A primma a l’é a paròlla ‘ragnatela’: in zeneize se dixe tâgnâ, anche inta forma taragnâ, ch’a vegne da-a poscibile esprescion latinn-a tela araneata (=tela di ragno). Chi m’aspêtava d’avei tante rispòste giuste comme defæti l’é stæto. L’atra paròlla, che pensava poeise ese quella difiçile, a l’é ‘cauterio’. Ciù de un o l’à dito de no savei manco cöse veu dî in italian! Ecco aloa cöse s’atreuva in sciô diçionaio

Strumento chirurgico per l’applicazione circoscritta di alte temperature su tessuti organici allo scopo di causarne la distruzione.

A traduçion in zeneize a l’é cöteuio òpure còutêio; da segnalâ o mòddo de dî: o l’é ’n cöteuio pe riferise a ’na personn-a asæ angoscioza. L’urtima paròlla e l’é stata ‘raccolta’. Chi no saiva ben quæ saieivan stæte e rispòste. So-arestòu contento che tutti quelli che l’an dita l’an dita giusta: arecugéita. Aloa perché, diggo mi, de spesso into parlâ se senti l’italianismo racòlta?

Inta trasmiscion son sciortie atre doe paròlle: diacolón, ch’o l’ea in ceròtto medicamentozo, e cegón comme traduçion de ‘sex symbol’.

Concluddo co-in mòddo de dî segnalòu da ’n’ascoltatrice e spiêgòu da-o Cazassa a-a voxe læte

Ma da dove vegne sto mòddo de dî? Ecco cös’ò trovòu in sce Internette

La sua origine pare correlata alla pratica antica della mungitura che, prima di tutte le innovazioni tecnologiche, veniva praticata manualmente e portava via parecchio tempo al mungitore. Costui si sedeva su uno sgabello di fianco alla mucca, si metteva il secchio del latte in mezzo alle gambe e iniziava a mungere finché il livello del latte gli arrivava alle ginocchia. Senz’altro un lavoro che richiedeva molto tempo e molta calma, non bisognava dunque spazientirsi. Da questa usanza, che si protrasse per moltissimi anni, è nato il detto “far venire il latte alle ginocchia”, quindi fare un’azione ripetitiva per un tempo così lungo, da arrivare a perdere la pazienza.

Se voei leze de ciù in sce sto mòddo de dî poei anâ in sciô scito da Zanichelli.

Alegri!

5 Commenti

  1. Giorgio Saitto scrive:

    Alternativa a arecugéita poriae ese cugéita, mainea ciù streita, ma no sò se l’è giusto

  2. Graziano scrive:

    Ascisto quasci de longo ae trasmiscioin do Venerdì seia che pe mi son n’evasion. Graçie.Vei sea o mandou n’emai a strasmiscion con e tre risposte giuste. Se devo ese do tutto sincero “Arecugeita” l’ho pigia da in “certo” diçionaio … so, scichè de me ghe solo i 2/3, ad ogni moddo pe mi e cose mia saveile anche çerca. O primo diçionaio so l’ho regalou a n’amigo qu l’è vegnua anche a trasmiscion tempo dere, cosci me n’o accatou n’atro pe Dena. Aparolla coteuio me ricorda quande piccin me moe a diva a me pue (gestivan na tratoria) verso 11 oue de seia: metti e arvette che seremmo che questa a l’e loua di coteui!
    Torna graçie.
    Signoria
    Graçiano

    • pep bru scrive:

      Ciao Graziano

      “O primo diçionaio so l’ho regalou a n’amigo”

      no aiva mai visto quel´”so l´” ch´o me fa vegnî in cheu lo spagnolo “se lo”. O saieiva tipico de quarche punto da Liguria?

      grazie!

      • Franco.Bampi scrive:

        Mia, Pep, quello ‘so’ (che in grafia ofiçiâ o va scrito sò) a l’é l’atra forma do posescivo seu (= suo); a mæxima cösa a vâ pe teu (= tuo) e tò. Quindi a traduçion da fraze: “O primo diçionaio so l’ho regalou a n’amigo” a l’é “il primo dizionario suo l’ho regalato a un amico”.
        Ciao.

        • pep bru scrive:

          ah! avevo capito male, grazie!

          siccome voi liguri di solito piazzate in questi casi un “ghe” prima del verbo -anche se dopo c´è scritto “a un amigo” ecc.- la frase mi aveva sconcertato

Lascia un commento

Ràtto penûgo. Ma perché se dixe coscì?

Ràtto penûgo. Ma perché se dixe coscì?

In zeneize ‘pipistrello’ o se tradue ràtto penûgo ò ràtto pernûgo; chi sotta quello che scrive o Cazassa: Ma da

L’inportansa da grafia ofiçiâ

L’amigo Zòrzo Òdon o l’é stæto protagonista de ’n interesante esperimento de letua e conversaçion dov’o l’à provòu a mostrâ

Lescico e scintasci

Devo famene ’na raxon e pigiâ nòtta che tanti pensan che quande se parla do zeneize tutto va ben. In

A lengoa leteraia

A lengoa leteraia

Se ne sente parlâ e de spesso no s’acapisce cöse s’intende quande se dixe: lengoa leteraia. Ma cöse diascoa a

CATEGORIE

Link utili

Search

Archivio