Venerdì chinze de luggio: eventi, muxica, ma sorviatutto o grande Piero Parodi

16 lug 2016 by Franco.Bampi, 12 Commenti »

No se peu dî muxica zeneize sensa pensâ a chi questa muxica l’à visciua, l’à interpretâ e valorizâ. Sci, parlo do grande Piero Parodi, prezente vei seia into studio de PrimoCanale, a parlâ, insemme a-i atri òspiti, da nòstra muxica zeneize e di personaggi che l’an fæta vive, in particolare o tenore Mario Cappello e o chansonnier e fantasista Beppe Marzari.

A primma domanda a l’é stæta in sce ’n mòddo de dî: o l’à bevûo l’ægoa da mêua, saiva a dî ese diventòu aspèrto (= scaltro, no ‘esperto’), ese pratico de cöse do mondo. Ma da dov’o vegne sto dito chi? Purtròppo l’é difiçiliscimo savei da dove i mòddi de dî vegnan: va za ben che semmo cöse veuan dî! ’N atro mòddo de dî ne l’à segnalòu ’na scignoa de Caignan: fâ cómme o Bertomê ch’o sò-u metéiva into stopìn da lê; chi i comenti no servan.

Emmo poi parlòu do fidiâ, çitòu anche da-o De André inta beliscima Crêuza de mâ. O fidiâ o l’é quello ch’o fa i fidê, pasta fresca longa, ma in generale o se dixe de chi fa a pasta fresca. Ecco cös’o scrive o Cazassa:

Emmo dito che vénde in crénsa veu dî vénde a respîo, insomma ciantâ di póffi (= debiti): acatâ rimandando o pagamento.

Concluddo co-e trenétte avantagiæ. Tanti se domandan quæ o segge o vantaggio de trenette fæte de fænn-a co-o brénno (= crusca), e quindi con fænn-a pöco pregiâ. Comm’o l’à ciù vòtte spiêgòu o Virgilio Pronzati, esperto de cuxinn-a, o vantaggio o l’ea che, esendo fæte con fænn-a pöco pregiâ, pagavan meno de tasce e quindi poievan ese acatæ anche da-a pövia gente.

Alegri!

Domanda: gh’é quarchedun ch’o sa da dove vegne o dito: avei bevuo l’ægoa da meua?

12 Commenti

  1. Gabriella monteleone scrive:

    E’ un detto genovese che tradotto è “ti sei bevuto l’acqua della mola “Nelle officine le mole hanno delle vaschette con l’acqua che serve per raffreddare gli utensili e gli attrezzi che si surriscaldano con l’attrito causato dalla mola.Di solito viene detto a chi si appropria di benefici anche insignificanti o ne approfitta per esperienza.

  2. Margherita scrive:

    Anche chì u se dixe….Carloforte

  3. Enrico scrive:

    Peudase che m’arrampinne in sci spegi (çero di attesti) ma l’ægoa da meua a contegne limatûe de færo che o rappresenta o sæximo.

    • Franco.Bampi scrive:

      Cao Rico, me gusta questa teu intepretaçion. Porieiva finn-a ese quella giusta, che mi, comm’ò scrito, no conoscio.
      Alegri!

  4. Enzo scrive:

    Non conosco l’ origine del detto citato. Vorrei però intervenire ugualmente, dicendo che la pasta da fidelari è la pasta secca, realizzata da pastifici industriali o artigianali e venduta nel negozi di prodotti alimentari o nei supermercati, e non la pasta fresca.
    Le trenette avvantaggiate non sono (anzi, non erano) realizzate solo con farina e crusca. La vendita era vietata per l’ alto contenuto in ceneri residue. Stranamente (ma mica poi tanto) piccole (generalmente 250 gr.) confezioni di pasta che si può definire “avvantaggiata” vengono ora vendute a prezzi altissimi, che veleggiano, e talvolta superano, i 3 euro a confezione. Si può ben dire che il “vantaggio” sia tutto per il produttore.
    Quanto sopra scritto è frutto della mia (modesta) esperienza di ultrasettantenne, autorevolmente però supportato dal parere di quel che è stato un riconosciuto gastronomo, il Prof. Gianni Rebora.
    Chi volesse approfondire, può il suo intervento sulla pubblicazione: “Pesto e basilico, profumi di Liguria (Ed.De Ferrarri) da pag. 57 in avanti.
    Cordiali saluti
    Enzo

    • Franco.Bampi scrive:

      Cao Enzo, graçie pe questo seu interesante intervento. E graçie pò-u ricòrdo de l’amigo Gianni Réboa, ch’o se n’é anæto tròppo fito.

      • Enzo scrive:

        Prego, anzi, mi scuso per l’ intromissione “fuori tema”. Parlando di fidelari mi è tornato in mente un simpatico aneddoto. I bucatini, in genovese si chiamano…”fide da fratti”. Chissà come mai… :)

  5. Margherita Crasto scrive:

    da Toso

    bàive l’ègua da möa….abituarsi a un certo modo di vita, condividere per necessità le scelte di chi comanda, accondiscendere per forza ad una situazione osteggiata in precedenza…. Margherita

    • Ettore Berlingieri scrive:

      Chì o Fiorenzo Toso o no l’è benvegnuo: chì seguimmo solo o mitico Professor Bampi e no voemmo savei nint’atro se no quello che o dixe le. Viva o zeneiZe do Bampi, abbasso i atri che veuan scrive o ZeneiZe. O ZeneiZe o deve scrivilo SOLO Bampi.

  6. Piero de Bösanæo scrive:

    O l’à bevûo l’ægoa da mêua: o s’è fæto asperto.

  7. Caterina scrive:

    Ciao, Franco e ciao a tutti,
    Son d’acòrdio in sé diverse interpretascion de l’aêgoa da meûa ,ma ò savéi ‘sto dīto:”Spartīse fìnna l’aêgua in da séccia ” ? O se dīva a propòxito de quelli che ,de ‘n’ereditaê voeivan ‘a seû pàrte de tutto,fìnna a l’ürtimo spillo.
    Amîunna côsa ame fa végnî in ménte l’ātra e scrìve in zenéize ( o in “lévantìn” ) o m’é cāo,scibén che so che o Banpi o l’é o mégio. Alégri !

  8. Zòrzo scrive:

    Chisà da dove vegne o dito de l’ægoa, ma gh’é anche o ciù asperto: ch’o dixe:
    amîa ch’ò mangiòu a feuggia e bevuo l’ægoa da meua ‘ a mi no ti m’a cónti

Lascia un commento

Wikipedia in lengoa ligure a çerca di colaboratoî

In sce l’urtimo numero do Boletin da Compagna ò scrito ‘n apello pe çercâ di colaboratoî pe Wikipedia in lengoa

Ràtto penûgo. Ma perché se dixe coscì?

Ràtto penûgo. Ma perché se dixe coscì?

In zeneize ‘pipistrello’ o se tradue ràtto penûgo ò ràtto pernûgo; chi sotta quello che scrive o Cazassa: Ma da

L’inportansa da grafia ofiçiâ

L’amigo Zòrzo Òdon o l’é stæto protagonista de ’n interesante esperimento de letua e conversaçion dov’o l’à provòu a mostrâ

Lescico e scintasci

Devo famene ’na raxon e pigiâ nòtta che tanti pensan che quande se parla do zeneize tutto va ben. In

CATEGORIE

Link utili

Search

Archivio