CRONACA

Gimkane tra cantieri e cambi di corsia, A15 Parma-La Spezia al collasso

Cantieri autostrade, primo sabato d'agosto e ancora disagi in Liguria

01/08/2020 ore: 11.54

Cantieri autostrade, primo sabato d'agosto e ancora disagi in Liguria

LA SPEZIA - Disagi senza sosta per chi viaggia sulle autostrade liguri a causa dei cantieri per le gallerie. Anche il primo sabato di agosto si caratterizza per il traffico sostenuto lungo il nodo autostradale genovese con turisti e residenti costretti a gimkane tra code, rallentamenti, cantieri e cambi di corsia con notevole difficoltà a procedere.

In serata un incidente in A12, tra Genova Est e Nervi, ha causato fino a tre chilometri di coda in direzione Genova. Non si sono registrati feriti. All'incirca un chilometro di coda, sempre in A12, si è avuta invece in direzione Livorno. In A12 fino due chilometri di code sono stati registrati tra Pra' e Arenzano, verso Ventimiglia. Coda fino a cinque chilometri in A26, in direzione Gravellona Toce, e fino a due chilometri in direzione Genova, all'altezza dell'allacciamento con la A10.

"Ministro De Micheli, ecco la narrazione di un altro sabato disastroso sulle nostre autostrade. Ci aveva detto che il primo luglio tutto sarebbe tornato normale, ora il capo ispettore del suo Ministero dice il 9 agosto. Ma è una balla anche quella. Così come è una balla il fatto che Autostrade pagherà i danni. Ormai Autostrade è del Governo, quindi di che parliamo? Cosi' come era una balla la partenza della Gronda autostradale promessa a Natale scorso", commenta il governatore ligure Giovanni Toti. "Ma vi rendete conto della quantità di menzogne. Ma si rende conto ministro che il 10 agosto due terzi della stagione turistica sono finiti? Chiudiamo i cantieri. Assumetevi una... dico una responsabilita'! Prima di dimettervi per malafede e inadeguatezza. E spero che nessuno debba farsi male seriamente o che un'ambulanza resti bloccata nel traffico per la vostra colpevole incapacita'", rincara Toti.

Autostrade, Valeri: "Cantieri nelle gallerie liguri almeno per 5-10 anni"  - CLICCA QUI

In A7 sono state segnalate nel corso della giornata code a tratti, sia in direzione Milano che verso Genova, tra il bivio A7/A12 Genova-Livorno, tra Genova Bolzaneto e Busalla e tra il bivio A7/A10 Genova-Ventimiglia. In A10, in direzione Ventimiglia, coda tra il bivio A10/A26 Trafori e Arenzano. In A12, in direzione Rosignano, code a tratti tra il bivio A12/A7 Milano-Genova e Recco. Sulla A26, in direzione Genova Voltri, code a tratti tra Ovada e il bivio A26/A10 Genova-Ventimiglia, e coda tra il bivio A26/A10 Genova-Ventimiglia e Masone in direzione Gravellona Toce. Sulla A12, in direzione della riviera di Levante, i pannelli informativi hanno indicato anche fino a 28 minuti per percorre il breve tratto Nervi-Recco e fino a 45 minuti per fare pochi chilometri tra Nervi e Chiavari.

Disagi per gli automobilisti anche sull'autostrada A6, la Torino-Savona, in direzione Liguria, a causa di un incidente stradale che ha coinvolto tre auto, una delle quali si è ribaltata. E' accaduto poco dopo il casello del centro commerciale Mondovicino, a Mondovì, in provincia di Cuneo. Sette i feriti, cinque adulti e due minori, con intervento di vigili del fuoco, elisoccorso, polizia stradale. Si sono registrati fino a 4 km di coda per i soccorsi. Per consentire la rimozione dei mezzi l'autostrada è rimasta chiusa per oltre un'ora in direzione mare, con uscita obbligatoria al casello di Mondovì. Sul posto anche due elicotteri. I bambini sono stati trasportati per precauzione al Regina Margherita di Torino in codice bianco. Codice giallo per un ferito trasportato a Cuneo.

I gravi disagi sulle autostrade in Liguria mettono sul piede di guerra anche il sindaco della Spezia, Pierluigi Peracchini. Tutto il suo malcontento la scrive in una nota: "Il caos autostrade che tiene in ostaggio la nostra regione è diventato un caso nazionale di perfetto cortocircuito all'italiana". E in riferimento alla sua città, il primo cittadino denuncia: "È vittima doppia del caos autostradale: da una parte via Genova, come ormai tutti sanno, dall'altra via Parma, con lavori in corso gli svincoli di Borgotaro e Fornovo e tre cantieri che insistono fra Parma ovest e snodo A1 anche in direzione verso La Spezia. Pochi giorni fa, in contemporanea, sulla stessa tratta, sono stati aperti nove cantieri".

Quindi Peracchini mette in chiaro che "le strade devono essere sempre in sicurezza", ma al contempo si dice "preoccupato per le possibili ricadute negative dal punto di vista turistico e logistico: La Spezia è una città al crocevia fra più regioni e proprio per questo è cosi' strategica. Chiedo pertanto a tutti i parlamentari espressione del territorio di farsi portavoce presso il ministero delle Infrastrutture di questo disagio che potrebbe avere delle ripercussioni negative sull'economia della nostra citta' e una riorganizzazione complessiva dei cantieri per alleggerire le tratte autostradali".

Dal Mit, sottolinea Peracchini, "l'hanno definita una narrazione, mentre e' un ritratto della realtà quotidiana che si riversa negativamente sul settore turistico, logistico e industriale di una Regione così strategia grazie ai suoi porti per tutto il nord Italia e tutto il nord Europa". Ma, fa notare il sindaco, "l'apertura continua di nuovi cantieri non riguarda però solo le linee di collegamento interne alla nostra Regione, ma anche altre vie di collegamento per raggiungerla: in particolare, è notizia di questi giorni che siano nove i cantieri aperti sull'Autocisa che determinano grandi rallentamenti da e per La Spezia", ha concluso il primo cittadino spezzino.