SPETTACOLI

Appuntamento domenica 1 settembre a Calasetta, terra di liguri nell'estremo sud dell'isola

'I Trilli' approdano in Sardegna, la prima volta per il gruppo dialettale

26/08/2019 ore: 11.29

'I Trilli' approdano in Sardegna,  la prima volta per il gruppo dialettale

GENOVA - Il gruppo folk dialettale genovese 'I Trilli' si esibirà domenica 1 settembre in occasione dell'evento 'Viva l’uva!' a Calasetta, in Sardegna. Il gemellaggio tra i comuni dell'isola di Sant'Antioco, Genova Pegli e Arenzano, ha fatto sì che nelle feste di paese e nelle occasioni conviviali, sia tradizione condivisa dalla comunità cantare in dialetto ligure. Le canzoni più gettonate restano quelle de “I Trilli”, realtà musicale di spicco che nell'edizione 2019 di 'Viva l'uva!' è stata scelta dal comitato locale per il concerto dell'evento. 

Il dialetto genovese e quello tabarchino si incontreranno in un evento che sancirà l’unione tra Liguria e Sardegna, terre geograficamente lontane, ma culturalmente e storicamente molto vicine. 

Per Vladimiro Zullo, in arte Vladi, figlio di Pippo, è una grande emozione potersi esibire nella terra che considera come una seconda casa: "Mia mamma è originaria di Tempio Pausania, paese della Gallura", spiega il cantante.

"Sento un legame forte e profondo per questa terra che mi scorre nelle vene con i suoi profumi, i suoi luoghi e paesaggi ancora incontaminati, che da sempre sono stati fonte di grande ispirazione artistica per la mia famiglia. Proprio in terra Sarda, infatti, sono nate alcune canzoni de 'I Trilli' del vecchio corso, diventate poi famose, che ancora oggi vengono cantate e tramandate di generazione in generazione. La Sardegna ha segnato per me anche indimenticabili con grandissimi artisti, come Fabrizio De Andrè, Piero Marras e i Tazenda. Non posso quindi che essere profondamente onorato di poter portare il dialetto ligure a Calasetta, dove 'I Trilli' fino ad ora, pur essendo amatissimi da sempre, non si erano mai esibiti", commenta Vladi, figlio di Pippo, è un vero e proprio sogno che si realizza il fatto di poter cantare con i suoi musicisti in questa terra che considera la sua seconda casa", conclude Vladi.