CRONACA

Amiu non dovrà più inviare la spazzatura altrove

Rifiuti, riapre la discarica di Scarpino a Genova chiusa dal 2014

24/08/2018 ore: 18.44

Rifiuti, riapre la discarica di Scarpino a Genova chiusa dal 2014

GENOVA - Riapre la discarica di Scarpino chiusa dal 2014 per via dell'inchiesta della procura di Genova sul trattamento del percolato, il sito per lo stoccaggio dei rifiuti torna utilizzabile. L'annuncio dall'azienda minicipalizzata Amiu.

I lavori ultimati sono stati di capping, ossia di copertura e messa in sicurezza delle vecchie discariche, e quelli per la realizzazione del primo settore della discarica di Scarpino 3. L'area potrà così ricevere rifiuti pre-trattati altrove e Amiu potrà cessare di inviare la spazzatura genovese altrove, con i relativi extra costi. Ieri si sono concluse le operazioni di collaudo del sito.

Dalla prossima settimana Scarpino tornerà alla piena operatività. La riapertura, a causa del maltempo e di altri problemi nell'avanzamento dei lavori, aveva accumulato circa tre mesi e mezzo di ritardo rispetto a quanto auspicato a fine anno dal sindaco di Genova Marco Bucci. Proprio legato ai ritardi, il 14 agosto, giorno del crollo di ponte Morandi, avrebbe dovuto tenersi un Consiglio comunale monotematico su Scarpino, chiesto dall'opposizione.

"Dopo un lungo periodo di lavori possiamo finalmente riaprire la discarica di Scarpino - spiega Tiziana Merlino, Direttore Generale di Amiu -. Arriviamo a questo risultato con grande soddisfazione, specialmente in un momento difficile e delicato come quello che stiamo vivendo". "Il mio ringraziamento va ai lavoratori di Amiu e Amiu Bonifiche per il lavoro svolto - afferma l'assessore all'Ambiente del Comune di Genova, Matteo Campora - ora il cammino prosegue per dotare Genova di un impianto di trattamento finale". Nel mentre prosegue l'impegno di Amiu per aumentare, con l'aiuto di tutti i cittadini, la raccolta differenziata dei materiali. "In quest'ottica - prosegue Merlino - Scarpino assumerà sempre di più un ruolo strategico nel progetto globale di raccolta differenziata spinta, diventando il punto di arrivo dell'ultima parte del rifiuto indifferenziato che sarà appositamente trattato e, solo dopo, conferito in discarica".