CRONACA

Verso la visita del Pontefice il 27 maggio

Papa Francesco a Genova, al via i lavori del palco: tra gli operai 15 poveri e disoccupati

09/05/2017 ore: 13.29

di Tiziana Oberti

Papa Francesco a Genova, al via i lavori del palco: tra gli operai 15 poveri e disoccupati

GENOVA - Un palco di 22 metri di larghezza, 12 metri di altezza e di circa 250 metri quadrati di superficie che si apre verso il mare in una sorta di abbraccio ideale del Papa a tutti i presenti alla messa in piazzale Kennedy il prossimo 27 maggio. Questa in estema sintesi è la struttura progettata dall'ingegner Antonio Sibilla che ospiterà Papa Francesco e che ha iniziato a prendere forma nelle ultime ore proprio a ridosso delle biglietterie della Fiera.

Un palco diverso rispetto a quello dello scorso settembre per il Congresso Eucaristico nazionale non solo perchè era stato realizzato dal lato opposto ma anche perchè più grande visto che doveva ospitare 200 vescovi.

Questo sarà un palco se vogliamo 'sociale' perchè - come era successo per il Congresso eucaristico nazionale - verrà costruito anche da 15 persone assistite dalla Caritas tra le quali poveri e disoccupati che sono state assunte dall'allestitore. "Qui ci sono Massimo, Constatin e altri cinque, gli altri stanno facendo le visite mediche e inizieranno a lavorare tra domani e dopodomani - spiega Virgilio Cimaschi componente del comitato organizzatore della visita - un modo di dare una mano e affinchè la costruzione del palco ma anche delle altre strutture per la celebrazione possa essere d'aiuto a chi si trova in un momento di difficoltà".

"La sostanza non è solo il palco ma anche un fondale curvilineo che si sviluppa nascondendo le biglietterie della Fiera del Mare e nascondendo parzialmente l'area di cantiere degli scavi per i lavori del Bisagno", racconta l'ingegner Antonio Sibilla che ha progettato la struttura. "Abbiamo previsto virca 58-60mila persone di cui 28mila sedute che occuperanno l'area di piazzale Kennedy e corso Marconi - spiega Sibilla - le persone in piedi saranno in parte nell'area di piazza Rossetti e in parte in viale Brigate Partigiane fino alla Questura".

Ci saranno due schermi giganti ai lati del palco, come succede per i concerti e verranno distribuiti altri 14 maxischermi per consentire a tutti di poter vedere la funzione religiosa. Vicini al palco ci saranno circa 480 tra malati e disabili e proprio di fronte al palco ci sarà un piano inclinato dove alcuni artigiani e artisti liguri realizzeranno un'infiorata.

"Il Santo Padre - continua l'ing. Sibilla - arriverà in piazzale Kennedy attraversando tutti gli spazi dei fedeli presenti passando dentro a una corsia riservata: estremità corso Italia, corso Marconi, viale Brigate Partigiane fino all'altezza della Questura e poi piazzale Kennedy un modo per consentire a tutti di poterlo vedere e salutare".



Galleria fotografica