Politica

L'amministrazione vuole implementare la medicina territoriale
1 minuto e 6 secondi di lettura

Savona si candida ad ospitare una Casa della Comunità grazie ai fondi del Pnrr. L'amministrazione comunale ha spiegato che guarda con notevole interesse alle misure previste dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza in tema di servizi socio sanitari integrati e medicina territoriale. Tra queste appunto l'opportunità di realizzare una Casa della comunità, che veda integrate anche le funzioni dei servizi sociali e di un ospedale di comunità.

Si tratta di strutture che "hanno un'importanza strategica nella direzione di rendere possibile l'assistenza di prossimità per i cittadini. Savona quindi ritiene doveroso candidarsi ad ospitare la Casa della Comunità, tenuto conto che ciò risponderebbe agli standard previsti dal Pnrr, che prevedono una casa di comunità ogni 40/50mila abitanti. A questo fine, il sindaco di Savona Marco Russo, ha inviato una lettera al presidente della Regione Liguria Giovanni Toti per chiedere un coinvolgimento nella pianificazione delle politiche sanitarie in tema di medicina territoriale" si legge nel comunicato ufficiale. 


"Nella situazione attuale, considerata l'occasione unica fornita dal Pnrr e l'importanza che ha acquisito la medicina territoriale, riteniamo imprescindibile un coinvolgimento del comune capoluogo nella predisposizione delle politiche sanitarie. A tale proposito riteniamo urgente avviare una interlocuzione con la Regione per un necessario approfondimento che consenta al territorio savonese che rappresentiamo di essere coinvolto e protagonista di una politica sanitaria dell'intera provincia", spiega Marco Russo.