MOTORI

Intense sessioni di test per le nuove auto ibride Rally1

WRC, è già 2022 per Hyundai, Toyota e M-Sport

di Stefano Bertuccioli

venerdì 21 maggio 2021

La sfida per il WRC 2022, che segnerà il debutto delle nuove auto Rally1 con tecnologia ibrida, è già iniziata con i test di tutti e tre i costruttori impegnati nella serie. Qui in azione la Toyota Yaris guidata dal finlandese Hanninen


La stagione 2021 sta entrando nel vivo, ma per i tre costruttori impegnati nel Mondiale WRC è già tempo di 2022. Hyundai, Toyota e M-Sport (con il supporto di Ford) stanno infatti lavorando sodo con i loro test team per sviluppare le nuove auto per la prossima stagione, quella che segnerà la svolta epocale verso l’ibrido del Campionato del Mondo Rally.

In pochi giorni tutte e tre le squadre che attualmente animano la serie iridata (in attesa di potenziali nuovi sfidanti) hanno mostrato al mondo le loro nuove armi per il 2022, tutte in livrea camuffata per non svelare troppi dettagli sul design e specialmente sui sempre più sofisticati studi aerodinamici, ma apparentemente in uno stadio ben più avanzato di quello del prototipo.

Le nuove WRC si chiameranno Rally1 secondo la nuova suddivisione in classi voluta dalla FIA che andrà progressivamente a sostituire ed a semplificare (finalmente) elenchi iscritti e classifiche. Hyundai ha scelto gli sterrati del sud della Francia per i primi test, mentre Toyota prosegue lo sviluppo sulle veloci strade Finlandesi. M-Sport, che grazie all’arrivo della tecnologia ibrida potrà contare sul supporto di Ford, ha svolto una serie di uscite sulla pista della factory di Cockermouth.

Alla vigilia del Rally del Portogallo, quarta gara del WRC 2021, i costruttori hanno scoperto le proprie carte. Il mercato piloti, con la conferma di Neuville e Tanak in Hyundai non sembra poter offrire grandi colpi di scena, a meno che M-Sport non trovi un budget importante dalle casse Ford per tentare uno dei piloti Toyota o una delle terze guide Hyundai.



I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place