CRONACA

"Abbiamo paura di questo ponte malconcio da cui cadono calcinacci e pezzi di metallo"

Viadotto Bisagno sotto osservazione, residenti pronti a trasferirsi

luned́ 16 dicembre 2019
Viadotto Bisagno sotto osservazione, residenti pronti a trasferirsi

GENOVA -  "Non vorremmo mai farlo ma siamo disponibili a lasciare le nostre case in maniera definitiva, a parità di valore e considerati i costi accessori del trasferimento, non possiamo pensare di vivere due anni sotto un cantiere a 70 metri di altezza sopra le nostre teste". La proposta è stata lanciata da Chiara Ottonello, portavoce del comitato 'Abitanti sotto il ponte Bisagno', a Genova, durante la commissione consiliare convocata sullo stato dei viadotti autostradali alla presenza, tra gli altri auditi, del direttore del Primo tronco di Autostrade per l'Italia, Mirko Nanni.

Sono quattro le palazzine, per 29 famiglie, che oggi si trovano sotto la proiezione del viadotto sotto osservazione anche da parte della procura di Genova e per cui Aspi ha annunciato un piano di ristrutturazione complessivo a partire da marzo 2020. Il direttore del Primo tronco di Autostrade Nanni ha espresso la "disponibilità" dell'azienda, precedentemente ha illustrato il piano di ispezioni in corso (il 93% delle 506 opere in Liguria è stato controllato da società ingegneristiche esterne) e di interventi, 124 nel 2020 sulla rete regionale per un investimento di 22,8 milioni di euro.

Negli ultimi mesi i residenti della zona hanno protestato contro le situazioni di rischio legate alla caduta di pezzi di plastica, metallo e calcinacci e, recentemente, anche di una lama di flessibile utilizzata in un cantiere. La portavoce del comitato di cittadini, mentre parlava, ha mostrato alcune delle componenti cadute, tra cui un pluviale, un grosso bullone e pezzi di calcestruzzo. "Abbiamo paura di questo ponte malconcio - continua Chiara Ottonello - e inoltre il valore delle abitazioni, che esistevano da prima che fosse costruito il viadotto, è ormai azzerato, per questo chiediamo che si apra un tavolo con la pubblica amministrazione e il concessionario, affinché quest'ultimo si prenda le proprie responsabilità sullo stato di decadimento della struttura".

Anche l'assessore comunale ai Lavori pubblici Pietro Piciocchi ha definito "condivisibile" la proposta di attivare un tavolo congiunto tra cittadini e Aspi e si attiverà per costituirlo al più presto. Il tavolo dovrebbe essere anche lo spazio dove i cittadini auspicano di trovare comunicazioni complete sullo stato dei futuri lavori e su altri dubbi relativi alla sicurezza del viadotto Bisagno.



I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place