CRONACA

Parla il rappresentante del comitato nazionale sulla sicurezza stradale

Viabilità migliore e più illuminazione, ecco la ricetta di Merella per la sicurezza stradale a Genova

venerdì 11 ottobre 2019



GENOVA - "Primo di tutto serve migliorare la luminosità delle strade, in secondo luogo serve migliorare la viabilità soprattutto per le situazioni più a rischio, penso ad esempio ai parcheggi sul marciapiede nelle strade strette che costringono automobilisti e motociclisti a invadere corsia opposta e poi infine serve aumentare i controlli sotto il profilo dei comportamenti e non mettere le multe a chi è parcheggiato male alle ore 21 e non dà fastidio a nessuno". E' questa la ricetta di Arcangelo Merella, dal 1997 al 2007 assessore alla Mobilità e trasporti del Comune di Genova ed ex membro del comitato nazionale sulla sicurezza stradale.

I dati parlano chiaro e sono drammatici: dall'inizio del 2019 già 16 morti in città, circa due al mese. L'ultimo caso quello del motociclista di 39 anni morto dopo sei giorni dall'incidente avvenuto venerdì scorso in via Cadighiara (LEGGI QUI). "Occorre intervenire in modo radicale, imponendo le regole anche in maniera dura, ci sono troppe disattenzioni, oggi si tende a punire la velocità in modo automatica con i rilevatori ma nessuno interviene nei confronti di chi ad esempio entra nelle strade contromano" prosegue Merella.

Ma sul perché Genova abbia il triste primato di maglia nera degli incidenti l'ex rappresentante del comitato nazionale della sicurezza stradale spiega: "Le cause sono molteplici, ci sono delle strade dove il doppio senso non è tecnicamente possibile però c'è comunque, e allora bisogna ridurre la velocità: un incidente a 30 km/h ha effetti minori. E poi c'è l'uso del cellulare che è estremamente pericoloso - prosegue ancora Merella -. Un tempo si usava la cosiddetta mappa dei 'punti neri' che segnalava le zone con più incidenti, oggi invece bisognerebbe avere un dettaglio puntuale delle cause effettive di questi sinistri che si susseguono in città. A Genova poi c'è anche una popolazione anziana che per forza di cose è meno attenta nella guida".

Ma qualcosa a breve sul punto di vista dell'illuminazione potrebbe cambiare. L'assessore alla Sicurezza di Palazzo Tursi Stefano Garassino in estate ha annunciato che presto arrivanno 57mila lampade a led che dovrebbero sostituire tutte le lampade della città garantendo un netto aumento della visibilità lungo le strade ciottadine (LEGGI QUI).

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place