CRONACA


Verso l段nizio della scuola, viaggio a Rezzoaglio tra pluriclassi e carenza di doposcuola

di Elisabetta Biancalani

gioved 12 settembre 2019
Verso l段nizio della scuola, viaggio a Rezzoaglio tra pluriclassi e carenza di doposcuola

REZZOAGLIO -  C’è chi lamenta l’affollamento delle classi in città, anche 27 bimbi insieme, e c’è chi invece deve convivere con classi che contano pochissimi bambini ma di prima e seconda, e poi terza, quarta e quinta insieme, le famigerate pluriclassi. Succede ad esempio a Rezzoaglio, in Val d’Aveto, 600 metri di altitudine, un’ora buona di strada dalla costa di Chiavari, strada sfatale costellata di buchi anche se Anas sta intervenendo, ma questo è un altro capitolo.

Quasi 1000 residenti di cui 26 bimbi delle elementari di cui 5 in prima e 5 in seconda (tutti insieme) e poi 7 di terza, 2 di quarta e 6 quinta, di nuovo tutto insieme. Alle medie 9, 12 e 12 in monclasse questa volta anche perché mette insieme anche i residenti nella vicina Santo Stefano d’Aveto che le medie non le ha, mentre le elementari sì.

Ma come si fa ad insegnare in una pluriclasse con tre programmi diversi, come terza quarta e quinta? “Cerco di sviluppare un unico tema nei tre gradi di comprensione - racconta la maestra Marina Fontana che nel suo passato canta addirittura una pluriclasse unica tra prima, seconda, terza, quarta e quinta ad Alpicella, sempre in Val D’Aveto - anche se i problemi sorgono soprattutto quando ci sono le interrogazioni”.

“Il timore che i nostri bimbi siano un po’ meno preparati di chi é in una monoclasse c’è- spiegano Elisa Rocchi e Valeria Borghi, mamme di bimbi in pluriclasse - ma alle medie sappiamo che andranno in una monoclasse quindi si ‘appianeranno’ ai compagni che incontreranno poi in città, alle superiori. L’auspicio sarebbe che unissero anche le elementari di Santo Stefano d'Aveto sperando che si possano così fare monoclassi anche a Rezzoaglio” dice Elisa.

Il sindaco Marcello Roncoli annuncia a Live on the road, che questo anno purtroppo si dovrà rinunciare al terzo doposcuola che era finanziato dal Comune “visto che hanno tagliato i fondi che avevamo a disposizione”. Molto oneroso poi è il capitolo scuolabus: “Ne abbiamo due in convenzione con Atp ma per bilanci ristretti come il nostro tutto è un sacrificio”.

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place