CRONACA


Spaccio di droga, metà dei giovani liguri ha paura

venerd́ 17 maggio 2019
Spaccio di droga, metà dei giovani liguri ha paura

GENOVA -  Il 48% dei giovani liguri non si ritiene "per niente" sicuro rispetto allo spaccio di droga considerandolo molto diffuso. Il dato emerge dalla ricerca svolta su un campione di 470 studenti tra i 17 e i 18 anni di Ventimiglia, Savona, Rapallo e La Spezia nell'ambito del XI rapporto sulla Sicurezza urbana e la criminalità, realizzato dall'Università di Genova e curato dal professor Stefano Padovano.

Malgrado la garanzia di anonimato, ben il 94% ha detto di "non essere stato coinvolto nello spaccio di droga" mentre il 13% ha dichiarato di avere commesso dei furti e il 12% alcuni danneggiamenti, a fronte del 66% che sceglie di "non rispondere". Tra i reati che allarmano maggiormente i giovani liguri la violenza su donne e minori (85%) e i furti in appartamento (36%). In particolare dalla ricerca emerge che la presenza di gruppi criminali è un fenomeno presente in città tra 'abbastanza' e 'molto' per il 40% dei ragazzi che per l'87% si sono dichiarati 'favorevoli' a trattare il tema senza timori e indugi. Obiettivo dell'indagine, approfondire il rapporto tra l'illegalità e la percezione dei modelli mafiosi, con le ricadute di ordine sociale, professionale, economico.

"Voglio ringraziare il professor Padovano e l'Università di Genova per il prezioso lavoro svolto: ancora una volta - commenta la vicepresidente e assessore regionale alla Sicurezza Sonia Viale - questo Rapporto ci offre spunti di riflessione preziosi, anche in vista del tavolo della legalità che ho convocato per il prossimo 23 maggio. Credo che la fotografia emersa dall'indagine tra i giovani studenti liguri sia positiva: hanno coscienza del problema e il fatto che vogliano parlarne significa che stiamo lavorando nella giusta direzione per rafforzare quegli anticorpi indispensabili per contrastare la criminalità organizzata".

Commenti


I NOSTRI BLOG

Grif House
Samp Place